Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Attualità

Coronavirus, obbligo di tampone per chi arriva da Francia, Spagna e Gran Bretagna

Pubblicato

in



Coronavirus, obbligo di tampone per chi arriva da Francia, Spagna e Gran Bretagna

 

“Nel caso di soggiorno o transito nei quattordici giorni anteriori all’ingresso in Italia in uno o piu’ Stati e territori di cui all’elenco C dell’allegato 20, (Belgio, Francia, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Spagna, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord) si applicano le seguenti misure di prevenzione, alternative tra loro: a) obbligo di presentazione al vettore all’atto dell’imbarco e a chiunque sia deputato ad effettuare i controlli dell’attestazione di essersi sottoposti, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, ad un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo; b) obbligo di sottoporsi ad un test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone, al momento dell’arrivo in aeroporto, porto o luogo di confine, ove possibile, ovvero entro 48 ore dall’ingresso nel territorio nazionale presso l’azienda sanitaria locale di riferimento; in attesa di sottoporsi al test presso l’azienda sanitaria locale di riferimento le persone sono sottoposte all’isolamento fiduciario presso la propria abitazione o dimora”. E’ quanto si legge nella bozza del dpcm. Un altro passaggio del dpcm ribadisce la misura. “Sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario e obblighi di sottoporsi a test molecolare antigenico a seguito dell’ingresso nel territorio nazionale dall’estero”, si legge. “Le persone – si legge ancora – che hanno soggiornato o transitato, nei quattordici giorni antecedenti all’ingresso in Italia, in Stati o territori di cui agli elenchi C, D, E ed F dell’allegato 20, anche se asintomatiche, si attengono ai seguenti obblighi: a) compiono il percorso dal luogo di ingresso nel territorio nazionale o dal luogo di sbarco dal mezzo di linea utilizzato per fare ingresso in Italia in Italia all’abitazione o alla dimora dove sara’ svolto il periodo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario esclusivamente con il mezzo privato”.

Continua a leggere
Pubblicità

Attualità

Il vaccino Oxford produce risultati incoraggianti sugli anziani

Pubblicato

in

Il vaccino prodotto dall’universita’ di Oxford in collaborazione con l’azienda farmaceutica AstraZeneca avrebbe prodotto una robusta risposta immunitaria nei soggetti testati in eta’ avanzata, il gruppo piu’ a rischio di pesanti conseguenza da infezione da Covid-19.

 

Lo rivela il “Financial Times”. La scoperta sarebbe molto incoraggiante, in quanto permetterebbe quantomeno la limitazione dei sintomi piu’ severi da Covid-19 nelle persone piu’ anziane, i quali sono spesso la principale causa di decesso degli infetti in eta’ avanzata. Fonti all’interno del governo hanno confermato “ottimismo” circa la possibilita’ che le prime dosi del vaccino possano essere distribuite a gruppi prioritari, come medici e infermieri, sin dal gennaio 2021, ma hanno anche fatto presente la possibilita’ vi possano essere diverse “incertezze”, come ad esempio i tempi necessari perche’ il vaccino venga ufficialmente approvato dall’ente regolatore britannico.

Continua a leggere

Le Notizie più lette