‘Sono tornato per la mia gente’, torna a Scampia dopo dieci anni di esilio Don Manganiello, il prete anticamorra

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Sono tornato per la mia gente” – torna a Scampia dopo dieci anni di esilio Don Manganiello, il prete anticamorra. Borrelli:” Una bella notizia ed una vittoria per la nostra città. Saremo sempre al suo fianco”.

 

Dopo dieci anni e di ‘esilio’ finalmente Don Aniello Manganiello è ritornato a Scampia. Era infatti il 2010 quando il prete anticamorra, che ha sempre predicato e diffuso la cultura della legalità, anche attraverso l’operato della sua fondazione” Don Guanella”, fu trasferito dopo 16 anni di attività da Scampia, dove è stato parroco di Santa Maria della Provvidenza, contro la sua volontà e nonostante le proteste della gente.

“Dopo 10 anni finalmente sono ritornato qui, ho chiesto il trasferimento e l’ho ottenuto. Dopo tanti anni credo di poter dire che all’epoca con il mio modo istintivo ed impulsivo di agire forse davo fastidio a qualcuno, ma io sono fatto cosi, non riesco a voltare la faccia dall’altro lato di fronte alle ingiustizie. Qualcuno afferma che io sia stato in cerca di visibilità e notorietà ma tutto quello che ho fatto l’ho fatto per la mia gente.

    Ora stiamo restaurando e mettendo a posto il centro Don Guanella, crediamo che anche attraverso lo sport e l’aggregazione i giovani possano togliersi dalla strada e cominciare a tracciare per sé una strada differente, che non conduca all’illegalità e alla criminalità.  Ci autofinanzieremo anche con i miei libri ed i miei scritti, è importantissimo continuare a diffondere la cultura della legalità. Riprenderemo da dove eravamo rimasti.

    Io amo questo posto, amo Scampia e Napoli e credo che la gente ricambi il mio affetto. Stamattina per andare in farmacia, dovendo percorrere 50 metri, ho impiegato mezz’ora, venivo fermato ad ogni passo dalle persone che volevano salutarmi e parlarmi. Quel ‘poco’ che ho fatto la gente se lo ricorda e lo apprezza.”- ha raccontato Don Manganiello.

    “Il ritorno di Don Aniello è una bellissima notizia ed una vittoria per la nostra città. Se ce ne fossero tanti altri come lui, la nostra città, ma in generale la nostra società, sarebbe senz’altro un posto migliore. Ci auguriamo che egli, assieme alla sua fondazione, possa salvare tante vite da un destino, a volte, già segnato senza che gli vengano messi i bastoni tra le ruote. Noi saremo sempre al suo fianco. ”- ha dichiarato il Consigliere Regionale dei Verdi-Europa Verde Francesco Emilio Borrelli


    Torna alla Home


    Il video della violenta aggressione ad Antonio Morra e il pugno che gli ha causato la morte

    Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del Mandela Forum la sera di giovedì sono chiare: una discussione,  un pugno e una caduta dalle scale. Così ha perso la vita Antonio Morra, 47 anni, originario di Napoli ma residente a Pistoia: è stato aggredito dopo il concerto dei Subsonica...

    Sciame sismico anche sul Vesuvio, scossa in serata di magnitudo 2.1

    Una domenica bestiale: e non è certo quella cantata anni fa da Fabio Concato. E' quella che hanno vissuto tutti i cittadini dei comuni dei Campi Flegrei e di buona parte della città di Napoli. Poi nei pomeriggio ci si è messo anche il Vesuvio. Perché anche l'area del Vesuvio...

    Nisida, rimossi gli ormeggi abusivi dai fondali

    “Ringrazio la Capitaneria di Porto e l’Autorità di sistema portuale di Napoli per aver coordinato sabato mattina un intervento importante sul litorale di Nisida grazie al quale sono stati rimossi dai fondali diversi ‘corpi morti’ utilizzati dagli ormeggiatori abusivi per ancorare le barche dei loro clienti. Grazie a questa...

    Scampia, droga nascosta nel tubo: arrestato 19enne

    Nel pomeriggio di ieri, durante un servizio di controllo del territorio a Scampia, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno osservato due uomini vicino ai porticati di un edificio in via Annamaria Ortese. I due hanno estratto qualcosa da un tubo cementato nell’asfalto e l'hanno scambiata con una...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE