elezioni campania


Sono 9 i candidati impresentabili nelle liste per le elezioni di domenica prossima. I nomi sono stati resi noti oggi dalla commissione antimafia presenti in Campania. Con De Luca presidente è stato candidato Aureliano Iovine, imputato di associazione mafiosa (Lista Liberaldemocratici Campania) .

Gli impresentabili della Campania si dividono (quasi) equamente tra le liste di sinistra per Vincenzo De Luca presidente (cinque) e quelle di destra con Stefano Caldoro (quattro ). Nella lista De Luca anche Carlo Iannace già condannato e interdetto dai pubblici uffici nel 2016, e oltre l’imputato per mafia Iovine (416 bis), nella lista De Luca gli altri impresentabili sono: Sabino Basso («Campania libera – De Luca Presidente», per Vincenzo De Luca Presidente), imputato di riciclaggio (art. 648-bis c.p.) il dibattimento è in corso davanti al Tribunale di Avellino; Orsola De Stefano («Lega Salvini Campania», per Stefano Caldoro Presidente), imputata di concussione (art. 317 c.p.) il dibattimento è in corso davanti al Tribunale di Avellino; Maria Grazia Di Scala («Forza Italia Berlusconi con Caldoro»), imputata di concussione (art. 317 c.p.) il dibattimento è in corso davanti al Tribunale di Napoli; Michele Langella («Campania in Europa», per Vincenzo De Luca Presidente), imputato di riciclaggio (648-bis c.p.) il dibattimento è in corso davanti al Tribunale di Torre Annunziata; Monica Paolino («Forza Italia Berlusconi con Caldoro», per Stefano Caldoro Presidente), imputata scambio elettorale politico-mafioso (artt. 110, 81, 416-ter c.p.), il dibattimento è in corso davanti al Tribunale di Nocera Inferiore; Francesco Plaitano («Partito Repubblicano Italiano», per Vincenzo De Luca Presidente), già segnalato nel 2015 dalla Commissione antimafia della XVII Legislatura per violazione del codice di autoregolamentazione per la stessa condanna per estorsione, tuttora pendente, l’impugnazione è stata fissata per il 22 settembre 2020; Francesco Silvestro («Forza Italia Berlusconi con Caldoro», per Stefano Caldoro Presidente), imputato di concussione (art. 317 c.p.) il dibattimento è in corso davanti al Tribunale di Napoli.

LEGGI ANCHE  Napoli, evade dai domiciliari per la seconda volta in pochi giorni: arrestato



Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie

Coronavirus: all’Università Parthenope un’app per gestire gli accessi

Notizia Precedente

Coronavirus, altri 8 contagiati a Castellammare: due stranieri in ospedale

Prossima Notizia

Ti potrebbe interessare..