Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Campania

Coronavirus, scende il contagio in Campania: oggi sono 180

Pubblicato

in

coronavirus campania


Sono 180 i nuovi casi di coronavirus emersi nelle ultime 24 ore in Campania dall’analisi di 7.482 tamponi.

 

Dei 180 nuovi casi, 73 sono legati a casi di rientro o connessi a precedenti positivi da rientro. Il totale dei positivi in Campania dall’inizio dell’emergenza è 8.760, mentre il totale dei tamponi esaminati è 481.767. L’Unità di crisi della Regione Campania comunica che c’è un nuovo decesso legato al coronavirus.

Il totale dei deceduti in Campania dall’inizio dell’emergenza è 450. Sono 31 i nuovi guariti: il totale dei guariti è 4.568, di cui 4.564 completamente guariti e 4 clinicamente guariti.

“Oggi la Campania e’ la regione che ha il numero di decessi piu’ basso d’Italia in relazione alla popolazione residente. Potevamo avere un’ecatombe, abbiamo retto e dato una prova straordinaria di capacita’ amministrativa”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca durante un incontro a Serre (Salerno). “Abbiamo reso obbligatorio il test sierologico e il tampone a tutti i cittadini campani provenienti dall’estero e dalla Sardegna. Questo – ha spiegato il governatore – ha significato avere un aumento del numero dei positivi. Se li rintracciamo oggi, salviamo la regione tra un mese. Se non li avessimo individuati, tra un mese avremmo chiuso la Campania. Non so come fanno in altre parti d’Italia, sono tutti tranquilli, stanno girando tutti quanti. Vedremo tra un mese e mezzo quello che succedera’ al Nord”.

Continua a leggere
Pubblicità

Castellammare di Stabia

Giovane camionista di Pompei muore a 21 anni dopo la festa di compleanno: 13 indagati all’ospedale di Castellammare

Pubblicato

in

Tredici tra medici e infermieri dell’Ospedale San Leonardo di Castellammare sono indagati per la morte del giovane camionista di Pompei, Ferdinando Malafronte.

 

Il 21enne, aveva festeggiato il suo compleanno il 18 settembre, è morto il giorno 20 dopo due giorni dal ricovero all’ospedale di Castellammare. Si era sentito male subito dopo la festa con parenti e amici. Secondo quanto ha denunciato il papà ai carabinieri Ferdinando era stato accompagnato al San Leonardo con forti dolori di testa ma i medici dopo una prima visita avevano ritenuto che non fosse necessario il ricovero. Il giorno seguente la situazione è peggiorata: nuovo ricovero e questa volta con risonanza magnetica dalla quale sarebbe emerso che Ferdinando era affetto dalla sindrome di Arnold-Chiari, una rara malformazione della fossa cranica che porta anche scompensi cardiaci molto gravi. Neanche il tempo di capire come procedure alle cure che dopo poche ore Ferdinando è morto. Dopo la denuncia del padre Gennaro il magistrato ha disposto l’autopsia che sarà effettuata stamane notificando, come atto dovuto, gli avvisi di garanzia a medici e infermieri che lo hanno avuto in cura. Ieri sera nella chiesa di Santa Maria Assunta di via Nolana a Pompei si è svolta una fiaccolata a cui hanno partecipato centinaia di persone.

Gli amici e i familiari hanno voluto fatto risuonare la canzone di Eros Ramazzotti, “Non doveva andare così…” . E in tanti l’hanno cantata sguardi al cielo pensando a lui.
” ̀Non doveva andare così…- ha scritto un suo amico sulla sua pagina facebook-E’ questa la verità… la giusta verità. Ed invece eravamo li tutti riuniti in una sera di settembre fredda, a ricordarti e ad immaginarti con il tuo sorriso in una fiammella di una fiaccola racchiusi nel nostro silenzio… quel silenzio che ha lacerato il cuore di ognuno di noi… quelle lacrime che bagnavano ed ancora oggi bagnano i nostri cuori e i nostri volti. Quando ci manchi Nando… cavolo manchi davvero tanto… ma una cosa è certa… che questo è solamente un arrivederci perché non ci sarà mai un addio nonostante vivrai per sempre in fondo alle strade dei nostri cuori. #sempreneinostricuoricampione”.

 

 

Continua a leggere



Benevento e Provincia

Schianto frontale nel Sannio: un morto e un ferito

Pubblicato

in

Schianto frontale nel Sannio: un morto e un ferito. A perdere la vita un 44enne, in ospedale un 80enne.

E’ di un morto e un ferito grave il bilancio di un incidente stradale avvenuto sul ponte di Campolattaro, nel Sannio, nei pressi della diga e lungo la strada provinciale. A perdere la vita e’ stato Franco R., 44 anni di Norcine, che era alla guida di una BMW che prima si e’ scontrata con una Fiat Punto e poi finire oltre il guardrail e schiantarsi contro un albero. Per la vittima non c’e’ stato nulla da fare. E’ stato invece ricoverato in ospedale a Benevento l’autista della utilitaria, un uomo di 80 anni. A causare l’incidente con ogni probabilita’ e’ stato anche l’asfalto reso viscido dal violento nubifragio che si e’ abbattuto nel Sannio.

Continua a leggere



Le Notizie più lette