Seguici sui Social

Cronaca Napoli

Ucciso in Messico il boss ‘El Quince’, presunto mandante del rapimento dei tre napoletani scomparsi

PUBBLICITA

Pubblicato

il

messico ucciso el quince

Ucciso in Messico il boss ‘El Quince’, presunto mandante del rapimento dei tre napoletani scomparsi da gennaio del 2018.

“El quince”, il capo del cartello malavitoso, ritenuto responsabile della sparizione dei tre napoletani in Messico, e’ stato ucciso”. A renderlo noto e’ l’avvocato Claudio Falleti, legale delle famiglie di Raffaele Russo Antonio Russo e Vincenzo Cimmino, i tre napoletani scomparsi nel Paese centroamericano. “Ho appreso dai mezzi di comunicazione Messicani e da una fonte che mi ha contattato personalmente nella giornata di ieri, che il 28 Agosto Jose’ Gualupe Rodriguez Castillo alias el Quince o Don Lupe sarebbe rimasto vittima di una granata a frammentazione esplosa durante una scontro avvenuto nella zona montuosa del comune di Pihuamo nello Stato di Jalisco”, fa sapere l’avvocato.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoletani scomparsi in Messico: ripartono le ricerche

“Rodriguez Castillo – ricorda Falleti – e’ legato alla scomparsa di tre cittadini italiani avvenuta nel gennaio 2018 azione per la quale veniva arrestato dalla Procura Federale Messicana a seguito di intercettazioni telefoniche nelle quali rilevava una sua diretta responsabilita’ ed il suo coinvogimento nell’accaduto, per poi essere inspiegabilmente rilasciato alcuni mesi dopo da un Giudice Messicano”. “Secondo un rapporto federale, – rende ancora noto il legale- dopo lo scontro, uomini armati sono arrivati alla sede municipale di Pihuamo e hanno ordinato a un’ambulanza di trasferire un ferito, che si presume essere Rodriguez Castillo, in un ospedale di Ciudad Guzman. A bordo di due veicoli, gli uomini armati hanno sorvegliato l’ambulanza e quando sono arrivati in ospedale hanno ordinato all’autista di tornare a Pihuamo, tuttavia, si e’ scoperto che il ferito e’ morto e il corpo e’ stato caricato nel veicolo dagli stessi uomoni verso una destinazione sconosciuta”.

LEGGI ANCHE  Napoli, ragazza accoltellata dall'ex: il gip conferma il carcere per il 17enne

Attualmente in carcere si trovano i quattro agenti di Polizia Municipale che hanno consegnato materialmente i nostri connazionali al cartello. Con la morte del “Quince” una parte importante delle indagini potrebbe essere compromessa anche se lo stesso ha sempre negato il proprio coinvolgimento nella sparizione.



Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Napoli

Napoli, controlli su parcheggiatori abusivi: denunciati in 47 in 2 giorni

Identificati 371 persone e controllato 218 veicoli

Pubblicato

il

Il comando provinciale di Napoli ha disposto massicci controlli per combattere il fenomeno dell’attività del parcheggiatore abusivo.

Durante il fine settimana i carabinieri hanno setacciato le strade della città e hanno identificato 371 persone e controllato 218 veicoli: 35 le persone sanzionate perché trovate senza mascherina o in violazione del coprifuoco in quanto trovate in giro dopo le 22 senza giustificato motivo, 47 i parcheggiatori abusivi denunciati.

I parcheggiatori – tutti uomini – esercitavano la loro attività in varie zone. Nel centro i parcheggiatori sono stati individuati in piazza Matteotti, in piazzetta San Pasquale e nei pressi del Vecchio Policlinico. Altri invece erano in piazza Cavour, in piazza del Carmine, in piazza Duca degli Abruzzi e in piazza Calenda. I militari dell’arma hanno continuato i controlli e denunciato i malfattori anche in via Metastasio e in via Rossetti del quartiere Fuorigrotta.

LEGGI ANCHE  Covid, in Campania 1052 nuovi casi e 39 morti. Indice all'8,81%

Leggi anche: https://www.cronachedellacampania.it/2021/01/procida-capitale-italiana-della-cultura-per-il-2022

Al Vomero, i Carabinieri della locale compagnia hanno denunciato alcuni parcheggiatori con la recidiva nel biennio, erano nelle immediate vicinanze delle zone ospedaliere e in quelle della movida. I carabinieri della compagnia di Poggioreale hanno invece effettuato i controlli e le denunce in piazza Arabia, in via Argine nei pressi di un centro commerciale e in viale delle Metamorfosi, zona ospedaliera. I servizi continueranno nei prossimi giorni.

Continua a leggere

Le Notizie più lette