Seguici sui Social

Cronaca Napoli

Napoli, controlli alla stazione centrale: 3 arresti

PUBBLICITA

Pubblicato

il


1.375 persone identificate, di cui circa 200 con precedenti di polizia, 3 arresti eseguiti nella sola giornata di ieri nella stazione F.S. di Napoli Centrale, una persona denunciata a piede libero a Salerno,  44 convogli scortati  e  circa 100 pattuglie impiegate. 

Questi i risultati  operativi conseguiti negli ultimi due giorni dalla Polizia Ferroviaria del Compartimento Polfer di Napoli nell’ambito dei controlli straordinari disposti dal Dipartimento di P.S. ed in concomitanza con il controesodo, quando notoriamente si registra un maggiore afflusso di viaggiatori dovuto al rientro di vacanzieri nelle città.

In tale ottica è’ stato avviato anche un nuovo programma di scorte a bordo dei treni Regionali, Intercity e Alta Velocità, sulle tratte ferroviarie più frequentate della Napoli- Reggio Calabria e Napoli-Roma-Venezia. Attività di prevenzione importantissima, a bordo treno, assicurata  mediante l’impiego di pattuglie dotate di smartphone predisposti per la lettura ottica dei documenti.

 

GLI ARRESTI:

Ieri mattina, nella rete dei controlli di prevenzione, assicurati nella stazione F.S. di Napoli Centrale dalla Polfer del Reparto Operativo di Napoli Centrale, sono scattate le manette per il reato di evasione a carico di un noto pregiudicato, O.S. di anni 42, originario di Napoli, detenuto in regime di arresti domiciliari presso una Comunità in provincia di Viterbo.

LEGGI ANCHE  Prosciugano il conto corrente a una pensionata al Nord: denunciata banda di casertani

Durante i controlli è stato accertato che l’arrestato è stato già denunciato per lo stesso reato. Questa volta per O.S. si sono riaperte le porte del carcere e oggi sarà giudicato in direttissima innanzi al Giudice Monocratico del Tribunale di Napoli.

Nel corso della stessa mattinata gli agenti Polfer della Squadra di Polizia Giudiziaria hanno tratto in arresto, per furto aggravato, due borseggiatori rumeni, B.C. di anni 25 e G.F. di anni 28, pregiudicati, con precedenti aggravati dalla recidiva specifica reiterata ed infraquinquennale.

I due ladri, già noti alle Forze dell’Ordine, sonio stati intercettati nel corso di mirati servizi di prevenzione e repressione reati predatori predisposti nell’ambito dello scalo ferroviario di Napoli Centrale nelle immediate adiacenze. I due malviventi sono stati infatti bloccati ed arrestati in flagranza dopo aver sottratto con la solita abilità un cellulare ad un anziano passeggero di un bus partito da Piazza Garibaldi. Al termine delle formalità di rito alla vittima è stato restituito il maltolto e i due malfattori accompagnati presso le camere di sicurezza della Questura in attesa di essere anch’essi giudicati  nella mattinata odierna con rito direttissimo.

 



Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Uno show neomelodico improvvisato in un cimitero.IL VIDEO CHOC SU TIK TOK

Pubblicato

il

Uno show neomelodico improvvisato all’interno di un cimitero. È ciò che è stato denunciato da un utente attraverso un video pubblicato su tik tok e poi diffuso su le altre piattaforme social.

Nel filmato in questione, nel quale compare in sovraimpressione una scritta che recita: “non ho parole”, si vede un uomo che, simulando un microfono davanti alla bocca, dà vita ad uno breve spettacolo cantando in playback una canzone neomelodica in lingua napoletana tra i loculi di un cimitero.

“Uno spettacolo assolutamente deplorevole. Tanta gente non ha rispetto per niente e per nessuno ma violare addirittura un luogo come un cimitero, offendo la memoria dei defunti, per manie di protagonismo è qualcosa che supera ogni limite, ha mancato di rispetto ai defunti e ai loro cari. Se a questa persona è rimasto un briciolo di dignità si faccia avanti, chieda scusa per lo spettacolo indegno che ha offerto e faccia un appello pubblico invitando gli altri a non seguire il suo pessimo esempio.

LEGGI ANCHE  Il prefetto di Napoli nomina commissione indagini presso comune di Villaricca

per guardare il video clicca qui.

C’è davvero poco rispetto per i morti, a questo show neomelodico si aggiunge l’episodio dello scorso dicembre i cui gli amici del baby- rapinatore Luigi Caiafa festeggiarono il 18esimo compleanno del ragazzo, morto durante un tentativo di rapina, al cimitero con assembramenti, cori e fumogeni, dimostrando una totale mancanza di rispetto per i defunti ed i loro cari. Questa stessa gente è poi quella che chiede rispetto per i morti ma dovrebbero ricordarsene prima loro. ”- sono state le parole del Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli e del conduttore radiofonico Gianni Simioli.

Continua a leggere

Le Notizie più lette