28.2 C
Napoli
giovedì, Agosto 6, 2020

‘Vediamo chi di voi vuole morire stasera’, così i fratelli Scotto minacciavano gli imprenditori del litorale Pontino

“Vediamo chi di voi vuole morire stasera, ancora non avete capito che dovete chiudere? Scassate tutto, scassate tutto”.Erano di questo tenore le minacce che il gruppo cammorristico dei fratelli Domenico e Raffaele Scotto di Secondigliano, che puntava a mettere le mani sulle piazze di spaccio del litorale pontino, faceva a alcuni negozianti della zona.

 

L’episodio e’ citato nell’ordinanza di custodia firmata dal gip Ezio Damizia. Nel provvedimento vengono ricostruite le dinamiche della lotta tra clan “che vedevano contrapposti alcuni gruppi rivali per il controllo del mercato della droga a Minturno, Scauri, Formia, Gaeta e comuni limitrofi”. Le indagini dei carabinieri hanno fatto emergere come il clan Scotto volesse, “azioni violente affermarsi sul territorio eliminando la concorrenza”. Il gip scrive che la droga arrivava “sia dalla Campania che dall’estero, in particolare dalla Spagna” e “veniva rivenduta al dettaglio rifornendo le varie piazze di spaccio nei comuni del litorale pontino attraverso i vari appartenenti al sodalizio”.

“Capi indiscussi – scrive il giudice – sono i fratelli Domenico e Raffaele Scotto. I due avevano scelto come base operativa Scauri” e in particolare la frazione del comune di Minturno. Un territorio, quello del basso Lazio, che “subisce l’influenza campana dal punto di vista criminale. Aree territoriali gestite e sottoposte al controllo di clan camorristici. Tra questi viene in evidenza il clan ‘Gallo’, il clan Antinozzi-Mendico di Santi Cosma e Damiano-Castelforte e il clan Sacco Boschetti-Mallo”.Sotto ai fratelli Scotto vi erano Valentino Sarno, presso la cui abitazione nel corso del blitz è stata sequestrata una pistola calibro 44 Magnum con matricola cancellata, e Massimiliano Mallo, quest’ultimo fratello del più noto Walter in carcere da tre anni e autore di una violenta faida con il gruppo dei Lo Russo di Miano.

Per assumere il controllo dell’attivita’ di approvvigionamento e smercio di cocaina, hashish, marijuana e shaboo, imponendosi sul territorio, avevano posto in essere aggressioni e minacce anche ricorrendo alluso di armi e di manufatti esplosivi, sino a conquistare l’egemonia nella vendita di droghe in un’ampia area incentrata su Scauri, nota localita’ turistica del comune di Minturno (Lt).

In particolare, nel corso delle indagini: veniva fatta piena luce sulle modalita’ con le quali i predetti indagati, alcuni dei quali contigui a clan camorristici operanti nel quartiere Secondigliano di Napoli, importavano ingenti quantitativi di stupefacente dalla citta’ partenopea e dalla Spagna; sono state tratte in arresto complessivamente 13 persone; sono stati sequestrati: 450 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina; 9 kilogrammi di hashish; 350 grammi di marijuana; 100 grammi di shaboo; una pistola marca Beretta calibro 9×21 completa di caricatore e 13 proiettili, arma risultata rubata; 2 ordigni esplosivi di fattura artigianale, uno dei quali recuperato il 17.02.2016 prima che esplodesse, mentre l’altro e’ stato fatto deflagrare il 28 febbraio 2016, causando solo danni a cose. Nel corso delle operazioni di esecuzione, uno degli arrestati di Napoli e’ stato trovato anche in possesso di una rivoltella calibro 44 magnum matricola abrasa e 10 proiettili.

ALIBERTI MICHELE

BARATTOLO MARCO

BRANCACCIO CARMINE

CAMEROTA DIEGO

CLEMENTE ARMANDO DANILO

DE ROSA DOMENICO

DE ROSA GIUSEPPE

DI MEO GIANCARLO

FORTE STEFANO

LEONE FRANCESCO

LEONE GIUSEPPE

MALLO MASSIMILIANO

NOCELLA GIOVANNI

PALUMBO WALTER

PARENTE RAFFAELLA

PRETE AMEDEO

ROTONDO MATTEO

SARNO VALENTINO

SCARPA DANIELE

SCOTTO DOMENICO

SCOTTO RAFFAELE

SELLITTO GIUSEPPE

DALLA HOME

Link sponsorizzati

flash news

IL METEO

Napoli
nubi sparse
28.2 ° C
29 °
27.8 °
39 %
3.1kmh
40 %
Gio
28 °
Ven
29 °
Sab
29 °
Dom
32 °
Lun
30 °