terapia intensiva napoli, Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli, inaugurata la nuova terapia intensiva


Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di , inaugurata la nuova . Anna Iervolino: «Grazie alla risorse messe in campo dalla Regione si rafforza e si potenzia un’offerta assistenziale già eccellente».

Una nuova per rispondere nel modo più efficace all’esigenza di salute dei cittadini campani, combattere la mobilità passiva verso regioni del Nord e gestire al meglio, ove necessario, una recrudescenza dell’infezione da SarsCov2. Alla presenza del ministro dell’Università Gaetano Manfredi, del presidente della Giunta Regionale della Vincenzo De Luca, del Preside della Scuola di Medicina e Chirurgia Luigi Califano e del Rettore Arturo De Vivo, è stata inaugurata oggi la nuova dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di diretta dal professor Giuseppe Servillo. L’intervento è stato finanziato dalla Regione per aumentare la dotazione di posti letto di terapia intensiva: due distinte strutture del tutto indipendenti fra loro e quindi idonee a fronteggiare con percorsi separati l’emergenza , modulando l’offerta a seconda del quadro epidemiologico, ma soprattutto maggiore integrazione con il Servizio sanitario regionale, decongestionando le rianimazioni di altri ospedali e potenziando l’offerta chirurgica a più elevata complessità.

«Quello realizzato – spiega la direttrice generale Anna Iervolino – è un intervento strutturale che rafforza e potenzia l’offerta del Servizio sanitario regionale anche con l’obiettivo di ridurre la mobilità extra-regionale. I nuovi  posti letto di terapia intensiva saranno destinati alle cure intensive post operatorie necessario supporto agli interventi chirurgici particolarmente complessi per i quali l’A.O.U. Federico II è polo di eccellenza e d’attrazione, come la chirurgia del pancreas, delle vie biliari e del fegato; ma anche tutti quegli interventi innovativi che prevedono l’uso combinato di tecniche ed attrezzature e la partecipazione di professionisti appartenenti a diverse branche specialistiche».

L’investimento è stato finanziato nell’ambito del Piano regionale per la realizzazione di primi interventi urgenti per contrastare l’emergenza sanitaria da SarsCov2. Sono stati investiti complessivamente circa 3.000.000 di euro, dei quali 558.325 euro per lavori edili ed impiantistici 2.500.000 euro per strumentazioni ed attrezzature. Gli impianti e le attrezzature di ultima generazione sono valorizzati da un layout moderno e rispondente alle più recenti raccomandazioni delle società scientifiche in tema di requisiti strutturali e tecnologici di accreditamento: separazione strutturale degli ambienti di degenza dalle postazioni di lavoro del personale sanitario, tale da consentire il mantenimento di un differente gradiente pressorio tra i due ambienti (positivo- per l’utilizzo ordinario o negativo- per l’utilizzo come Terapia Intensiva -19); misure di prevenzione delle infezioni nosocomiali (distanziamento fra i letti di degenza) e molto altro.

«Nella fase 1 dell’emergenza – ricorda la direttrice sanitaria Emilia Anna Vozzella – tutti i posti letto esistenti di terapia intensiva, più un intero blocco operatorio riconvertito, sono stati destinati esclusivamente alla cura intensiva e subintensiva di pazienti . Nella fase pandemica di necessaria contrazione delle attività chirurgiche ordinarie, gli interventi chirurgici urgenti e indifferibili, il cui post operatorio necessitava di cure intensive, sono stati seguiti nel reparto di terapia intensiva post-operatoria cardiochirurgica. L’attenuarsi della diffusione dell’epidemia e il passaggio alla fase 2 hanno imposto, da una parte, la progressiva ripresa delle attività con adeguate garanzie di sicurezza e contenimento del rischio e, dall’altra, di conservare la capacità di fronteggiare l’eventuale recrudescenza dell’epidemia». La nuova terapia intensiva della Federico II può consentire, in base alle indicazioni regionali, di riservare posti letto al anche durante la fase 2 e, spiega il professor Giuseppe Servillo «nel contempo, riprendere a pieno regime anche le attività chirurgiche di elevata complessità che richiedono cure intensive post-operatorie». Sarà anche possibile riprendere a pieno regime tutte le attività chirurgiche e decongestionare le Rianimazioni degli altri ospedali, in primis del , ma con la possibilità, in ogni caso, di rispondere tempestivamente ad una eventuale recrudescenza della pandemia.

La realizzazione della nuova terapia intensiva ha richiesto una rimodulazione di alcuni spazi assistenziali, con lo spostamento della senologia che ora è logisticamente integrata nel dipartimento materno infantile per offrire percorsi diagnostici e terapeutici integrati dedicati alla salute della donna. I lavori sono già completati e la nuova senologia, corredo essenziale di una breast unit che il Direttore Generale ed il prof Sabino De Placido, responsabile del centro tumori rari e quelli eredo familiari della Regione , hanno voluto fortemente potenziare, riprende a funzionare in ambienti nuovi e più confortevoli per una sanità di qualità attenta ai bisogni e alla sensibilità delle donne.



Cronache Tv



Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori

Altre Notizie

Castellammare, coniugi stroncati dal covid a poche ore di distanza

Carmine e Maddalena Gagliardi entrambi di 80 anni. Lo straziante post della figlia. In città sono 2300 le persone positive...
Leggi tutto

Napoli, sequestrate al porto 100 tonnellate di rifiuti speciali

Il sito di stoccaggio illegale si trovava in un piazzale utilizzato da una società per sosta e movimentazione di container
Leggi tutto

Oroscopo oggi la giornata segno per segno

Le previsioni dello Zodiaco per oggi 9 marzo
Leggi tutto

Vaccini, in arrivo oltre 80mila dosi in Campania

La Regione ha infatti somministrato 489.900 dosi sulle 534.515 ricevute, quindi il 91,7%.
Leggi tutto

Femminicidio a Faenza: la vita di Ilenia spezzata per 20mila euro e un’auto

La confessione davanti al Gip del killer assoldato dall'ex marito della vittima, ma il mandante non cede
Leggi tutto

Covid, 100mila morti in Italia: tra i peggiori del mondo

Im premier Draghi: "Ogni vita conta, non lasciare nulla di intentato"
Leggi tutto

Ecco come si moriva nella Rsa: nessun dispositivo anti-covid e anziani ‘depositati’ nella morgue

Stamane sono stati arrestati i titolari: Nicola Ramagnano di Marsicovetere e Romina Varallo di Polla
Leggi tutto

Napoli, controlli al Vomero: identificate 350 persone

Operazione interforze nelle zone della “movida”, in via Luca Giordano, via Scarlatti, piazzetta Fuga, via Falcone e ai giardini Nino...
Leggi tutto

Ragazzini lanciano arance contro ambulanza: il mezzo va fuori strada

E' accaduto a Caserta. Il mezzo di soccorso ha impattato contro il guardrail ed è inutilizzabile. Caccia ai teppisti
Leggi tutto

Napoli, intervento a Ghoulam perfettamente riuscito

Il terzino algerino si è operato quest’oggi a Villa Stuart per ricostruire il legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro.
Leggi tutto

Napoli, si è dimesso l’assessore alla Cultura, Eleonora de Majo

"Sono stata attaccata dal segretario della Lega, Matteo Salvini, e perseguitata sui social network per mesi dai suoi seguaci leghisti"
Leggi tutto

Napoli, Milik scrive a Ghoulam: ‘Forza amico mio’

 "Forza amico mio!". Questo il messaggio che Arek Milik ha mandato su Instagram all'ex compagno di squadra Faouzi Ghoulam
Leggi tutto

Covid: il sindaco Scafati chiude gli uffici comunali e il centro rifiuti

Limitare le occasioni di assembramenti di persone, questo l'obiettivo del sindaco di Scafati
Leggi tutto

L’arcivescovo di Benevento: ‘Vaccinate subito i detenuti’

"Da oltre un anno non possono vedere le loro famiglie". E' l'appello dell'Arcivescovo di Benevento, Felice Accrocca
Leggi tutto

Napoli, cassonetti della spazzatura occupano spazio riservato ai disabili

Borrelli (Europa Verde): "Nessun rispetto per i più deboli”
Leggi tutto

Napoli: si dimette l’assessore alla Cultura e al Turismo, Eleonora de Majo

"Termina oggi la mia esperienza di Assessora.", si dimette Eleonora de Majo
Leggi tutto

Salerno, incontro con la provincia: ‘Riapriamo la biblioteca’

I rappresentanti del gruppo studentesco Riapriamo la Biblioteca incontrano la consigliera provinciale Pasqualina Memoli e il dirigente Alfonso Ferraioli.
Leggi tutto

Palma Campania, cantieri aperti e da aprire: ecco quali

Dal Museo del Carnevale alla riqualificazione delle strade, passando per la costruzione di un nuovo asilo nido
Leggi tutto

Al via il polo vaccinale a San Giorgio a Cremano

Vaccinati i primi ultra ottantenni, Zinno: "Apertura in tempi record"
Leggi tutto

Portici, carabinieri arrestano pusher 22enne

E’ stato controllato in Via Immacolata e trovato in possesso di 2 involucri contenenti 6,8 grammi di marijuana e un...
Leggi tutto


Ti potrebbe interessare..