La caduta di Sergio De Gregorio: il senatore che ‘fece cadere’ Prodi per i 3 milioni di Berlusconi

SULLO STESSO ARGOMENTO

Giornalista, politico, imprenditore. Ha fatto sempre un po’ di tutto Sergio De Gregorio, 60 anni il prossimo settembre, arrestato oggi per estorsione, riciclaggio e antiriciclaggio.

Il gip, che lo ha spedito in carcere, lo ha bollato come “un uomo dalla eccezionale caratura criminale” e, in effetti, a partire dal 2007, prima cioe’ di fare il senatore del Pdl, ultima esperienza da parlamentare, sono fioccate sul suo conto numerose inchieste giudiziarie, tra Napoli e Roma. E’ diventato celebre il 24 gennaio del 2008 quando ha votato la sfiducia contro il secondo governo Prodi, contribuendo a farlo cadere. Ma la sua parabola discendente e’ cominciata cinque anni dopo quando ha candidamente ammesso ai giornalisti di aver preso soldi cash (3 milioni) da Silvio Berlusconi (che ha sempre negato la circostanza) per passare da Italia dei Valori, che faceva parte dello schieramento di centrosinistra che tra il 2006 e il 2008 sosteneva Prodi, a Forza Italia. Da li’ ha preso il via l’inchiesta sulla compravendita dei parlamentari, dalla quale De Gregorio e’ uscito nell’ottobre del 2013 patteggiando una pena a 20 mesi di reclusione e mandando a processo lo stesso Cav e il giornalista-imprenditore Valter Lavitola, il primo nella veste di corruttore, il secondo in quella di intermediario del ‘pactum sceleris’. La sentenza di primo grado, che condanno’ Berlusconi e l’ex direttore de L’Avanti a 3 anni di reclusione e all’interdizione dai pubblici uffici per 5 anni, oltre a stabilire un risarcimento per il Senato della Repubblica, venne pronunciata l’8 luglio 2015 dai giudici napoletani. In appello, il 20 aprile dello scorso anno, la corte partenopea dichiaro’ l’intervenuta prescrizione del reato per entrambi gli imputati.

Decisione poi confermata il 2 luglio del 2018 dalla Cassazione che, nonostante l’esito, defini’ le dichiarazioni di De Gregorio “connotate da credibilita’ nel loro nucleo essenziale”. Anche la Suprema Corte valuto’ l’ex senatore oggi in carcere come “un esponente politico spregiudicato, capace di attirare consenso al punto da farsi eleggere nelle file del centrosinistra, nonostante un passato che lo legava al centrodestra e comunque effettivamente inserito nelle vicende narrate, in contatto con i suoi protagonisti e in grado di interloquire con essi con le modalita’ da lui specificamente indicate”. “Ho preso due milioni di euro in nero, l’ho gia’ detto ai magistrati di Napoli. Ho commesso un reato”, racconto’ l’ex parlamentare ai giornalisti l’11 marzo del 2013 dopo un interrogatorio a Roma. “Sul perche’ me li abbiano dati in nero me lo sono chiesto anch’io – aggiunse – se me li avessero dati in maniera trasparente li avrei dichiarati come ho dichiarato un milione di euro alla Camera e sarei stato nella legge. Ho accettato un pagamento in nero, ho sbagliato e l’ho confessato al magistrato. Il governo Prodi sarebbe caduto comunque. Magari lo abbiamo aiutato ad andare a casa”. Al processo napoletano contro Berlusconi e Lavitola, De Gregorio fu meno cinico: “Far cadere il Governo di Romano Prodi comprando senatori e’ stata la peggiore vicenda di malcostume politico della storia dell’Italia repubblicana di cui sono stato tra i promotori”




LEGGI ANCHE

Al via lavori per nuova strada ad Ottaviano, i residenti donano terreni

Da alcuni giorni sono in corso i lavori per la realizzazione della strada di collegamento tra via Riella e via Paradiso a Ottaviano. Questa nuova arteria stradale è stata progettata e promossa dall'amministrazione comunale, con il significativo contributo dei proprietari di alcune porzioni di terreno, i quali hanno generosamente messo a disposizione le proprie proprietà senza alcun costo. L'implementazione di questa nuova strada sarà di grande beneficio per i residenti della zona di Ottaviano, che...

Salerno, l’Auditorium della musica di via De Renzi dedicato a Fulvio Maffia

La proposta di Enrico Indelli, Presidente CdA Fondazione Scuola Medica Salernitana, al sindaco di Salerno: "Sentita la famiglia, il figlio Jacopo e la consorte Mara, intendo con questa mia, rendere pubblica la "PROPOSTA di DEDICARE ed INTITOLARE L'AUDITORIUM", di via De Renzi, cui tanto si spese, con tutte le proprie energie e convinzioni, al direttore FULVIO MAFFIA. Sarebbe bello se il tutto si potesse realizzare con una cerimonia da tenersi il giorno 21 giugno, quando...

Camorra a Genova, chiesti 16 anni di carcere per il figlio del boss latitante Cinquegranella e soci

Il pubblico ministero Federico Manotti ha chiesto condanne per oltre 14 anni per le sei persone coinvolte nell'inchiesta sulla gestione del bar Libeccio, sul lungomare di Pegli a Genova. L'accusa iniziale contestava l'aggravante di aver favorito la camorra, poi decaduta. A fine ottobre Angelo Russo è stato arrestato (richiesti 5 anni), mentre Mario Russo (2 anni e 10 giorni), Francesco Cinquegranella (3 anni e 4 mesi), è il figlio del boss latitante da oltre venti anni,...

Sparatoria in strada a Scafati, obiettivo il pregiudicato Marcello Adini

Il 43enne Marcello Adini è uscito dal carcere solo tre giorni fa dopo che era stato assolto per l'omicidio di Armando Faucitano

Sparatoria a Fuorigrotta: pistoleri in azione in via delle Scuole Pie

Nella zona di Fuorigrotta a Napoli, si è verificata una sparatoria su via delle Scuole Pie. I carabinieri del comando di Bagnoli sono intervenuti, intorno...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE