“Un atto grave e criminale quello scoperto dalla Procura di Benevento a cui va il nostro plauso. Scaricare reflui e  liquami  inquinati  in corsi d’acqua è  una offesa alla bellezza e alla  biodiversità di quei luoghi. Il quadro che viene fuori dall’indagine è davvero desolante, elenco di nefandezze che andavano tutte a discapito della tutela del bene pubblico. Ancora più grave se si pensa che  colti “con le mani nell’acqua” siano stati proprio coloro che dovevano gestire e garantire la depurazione. Ci auspichiamo che l’indagine ”Cloralix”faccia il suo corso e porti alla condanna dei responsabili in modo da dare un  segnale chiaro e forte: chi inquina paga a tutela dell’ambiente e della collettività.”
In una nota Mariateresa Imparato, presidente Legambiente Campania su indagine all’indagine “Cloralix” coordinata dai magistrati della Procura della Repubblica di Benevento, avente ad oggetto il grave inquinamento dei fiumi Calore e Sabato della provincia sannita e che ha portato ad un sequestro preventivo di 12 impianti di depurazione

Scrivi la tua opinione

Nel carcere di Avellino hashish e telefonini nascosti nel parmigiano, droga ritrovata anche ad Ariano Irpino

Notizia Precedente

Napoli, il consigliere Simeone (Presidente Commissione Mobilità): “Strisce blu gratis da lunedì 18 maggio”

Prossima Notizia


Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie


Ti potrebbe interessare..