Salerno, i partiti di sinistra attaccano la Regione sulle Fonderie Pisano

SULLO STESSO ARGOMENTO

Grazie a Legambiente è stato reso noto che la Regione Campania ha rilasciato alle l'autorizzazione integrale ambientale per altri 12 anni.

A differenza di tanti “speranzosi” che hanno definito tale atto “un colpo di mano” noi non ci meravigliamo di tale decisione, né tantomeno ci sorprende il periodo scelto. Cosa c'è di meglio di una pandemia, che attira l'attenzione di tutti, per fare appunto un vero e proprio “colpo di mano”?

Non siamo né sorpresi, né meravigliati, perché è sempre stato evidente, tranne per chi non voleva “vedere”, che sia l'amministrazione comunale che quella re- gionale DA SEMPRE hanno sempre garantito gli specifici interessi della proprietà a danno di quelli collettivi e basilari.

Se davvero la pubblica amministrazione, il comune in questo caso, fosse davvero interessata a risolvere il problema dell'avvelenamento della zona interessata e costringere la proprietà a fare davvero la delocalizzazione, avrebbe ridisegnato urbanisticamente quella area vincolandola a aree di servizio per verde pubblico e/o a servizi di pubblica utilità. Invece ieri le fonderie, poi le cotoniere, poi … Né tantomeno la famiglia Pisano si è mai preoccupata di informare i cittadini sulla reale consistenza, e sull'effettiva rispondenza ai fini della sicurezza, di quei lavori di adeguamento iniziati nel gennaio scorso e celebrati in pompa magna. La verità, secondo noi, è che:

    ·       La proprietà non ha nessuna intenzione di delocalizzare lo stabilimento. Altrimenti avrebbe reso noto ai cittadini e ai vari comitati, non tanto dove vorrebbe delocalizzarsi (dato comunque importante), ma soprattutto che tipo di impianti, la loro tecnologia DAVVERO INNOVATIVA E ALL'AVAN- GUARDIA, con quanti fondi, gli impatti negli ambienti interni ed esterni alla eventuale nuova fabbrica;

    ·       Vuole sfruttare e “spremere” l'attuale impianto fin quando può. Altrimenti nel corso di sei decenni in qualche modo soprattutto i residenti si sareb- bero “accorti” delle innovazioni fatte e non solo dei semplici lavori che più o meno la proprietà è stata costretta a fare perché prescritti dagli organi competenti;

    ·       L'obiettivo finale è, a nostro avviso, che una volta finita la “spremuta”, l'impianto chiuderà e l'attuale area sarà sottoposta a una speculazione edilizia.

    Malgrado tutto, ciò noi siamo convinti che sia possibile coniugare il diritto al lavoro con quello all'ambiente e alla salute e, aggiungiamo noi, anche il diritto ad avere una città con una qualità della vita superiore all'attuale, e che abbia a cuore anche da un punto di vista urbanistico la centralità di ridisegno e di riuti- lizzo e rigenerazione delle aree.

    Con l'attuale classe politica ciò non avverrà mai, perché essa ha una logica “li- berista” e una concezione dell'amministrare completamente in contrapposizione a qualsiasi modello di compartecipazione alla vita pubblica e decisionale dei cit- tadini.

    Né avverrà mai se chi oggi giustamente lotta per il proprio ambiente e per la propria salute lo fa in una logica di contrapposizione con l'interesse dei lavoratori di quella fabbrica, considerando che l'area in questione non è compromessa solo dalle fonderie.

    Solo contrapponendosi frontalmente agli interessi economici e speculativi della proprietà e degli enti locali, i cittadini della zona e i lavoratori, organizzati sulla base della comune indipendenza di classe, dovranno costruire un fronte di lotta unitario per la difesa del diritto alla salute e al lavoro. saQuesta lotta ci vedrà incondizionatamente al loro fianco.



    Torna alla Home


    telegram

    Bimbo di 5 mesi muore azzannato dal pitbull di famiglia

    Un'immane tragedia ha colpito la comunità di Palazzolo Vercellese. Un bambino di soli cinque mesi è morto dopo essere stato azzannato da un cane di grossa taglia, un pitbull, all'interno della sua abitazione. I soccorsi sono stati immediati, ma purtroppo per il piccolo non c'è stato nulla da fare. Il...

    L’allarme di Arcigay: 149 casi di violenza o discriminazione nell’ultimo anno

    Nell'ultimo anno sono stati registrati 149 casi di violenze o discriminazioni ai danni di persone LGBTQI+, con una media di uno ogni due giorni. L'allarme e i dati sono forniti da Arcigay, che tiene il conto degli articoli di stampa e, in occasione della giornata internazionale contro l'omofobia, la...

    IN PRIMO PIANO