Seguici sui Social

Curiosita e Passatempo

Grondaie a Roma: guida alla scelta

Pubblicato

in




Se stai cercando qualcuno che si occupi di grondaie a Roma su operalattoneria.it trovi un’ampia varietà di scelta. Quello che conta però, come in ogni settore, è affidarsi solo ai professionisti nel loro campo. In questa guida ti daremo indicazioni utili per la scelta delle grondaie migliori, suggerendotene caratteristiche ed indicandoti i fattori più importanti che dovresti considerare.

Grondaie: l’importanza della progettazione

Quando si parla di opere di costruzione o ristrutturazione di una casa, ed in particolar modo dei tetti, si tende a trascurare l’importanza di uno dei componenti fondamentali, cioè le grondaie. Le grondaie infatti hanno un compito importantissimo, che prescinde dal lato estetico anch’esso importante. Servono per far defluire le acque piovane offrendo una via di fuga e di scarico.

Si capisce subito quindi come la progettazione di questo apparato non possa essere lasciato né al caso né ai professionisti improvvisati dell’edilizia.

Roma offre del resto una vasta proposta di soluzioni ingegneristiche, a causa delle sempre più frequenti piogge di carattere ormai torrenziale. È importante predisporre grondaie resistenti, adatte e performanti, che abbiano la giusta inclinazione e che vengano saldate nei punti di giuntura in modo da non cedere di schianto sotto il peso dell’acqua.

Grondaie: le caratteristiche da considerare nella scelta

Prima di effettuare un acquisto, è sempre bene valutare la proposta. Ci sono infatti dei fattori che il venditore deve specificare per dare prova di esperienza e conoscenza nel settore. Questi fattori sono:

  • la sezione della gronda: se la struttura è troppo piccola in quanto a diametro, non riuscirà a contenere e smaltire il grande afflusso di acqua piovana che si potrebbe avere ad esempio durante una forte pioggia;
  • il numero di scarichi attraverso i bocchettoni: stesso problema si potrebbe avere nel caso in cui la sezione sia sufficientemente ampia ma ci fossero pochi bocchettoni. Si deve prevedere sempre infatti una via di fuga per l’acqua.

Una possibile e malaugurata conseguenza di queste mancanze potrebbe essere un’infiltrazione o una tracimazione. L’acqua deve trovare una via di fuga, e la grondaia è la struttura che deve permetterla, altrimenti l’acqua stessa cercherà letteralmente di uscire o passando nel muro o esondando trascinandosi dietro le grondaie stesse con i costi che questo inconveniente comporterebbe. Altro fattore importante da considerare è il materiale.

Una cosa è installare una grondaia in una casa al mare dove umidità e salsedine rischiano di corroderla, altra cosa è montare una grondaia in campagna dove c’è il rischio che gli animali intasino la struttura con i nidi. Per questo in fase di preventivo ed eventuale sopralluogo è sempre indice di professionalità avere a che fare con una ditta che valuti questi parametri, facendo domande ben precise sulla zona in cui andrà eseguito il lavoro e sulle caratteristiche della casa e dei dintorni.

Manutenzione delle grondaie

Pubblicità

Abbiamo parlato di una situazione che capita molto più spesso di quanto si possa immaginare. Si tratta dell’intasamento delle grondaie, evento molto pericoloso perché se non ce ne si accorge, si rischia di fare molti danni. L’occlusione delle grondaie avviene per due fattori più frequenti:

  • animali come uccelli che nidificano nelle grondaie, e che quindi portano rametti e foglie per costruire il nido. Se questi elementi finiscono nei bocchettoni, creeranno un tappo che impedirà all’acqua di uscire;
  • caduta di aghi di pino: se accanto alla casa ci sono degli abeti, è bene farli accorciare, affinché gli aghi non cadano nelle grondaie creando lo stesso inconveniente.
Pubblicità
Continua a leggere
Pubblicità