Sono praticamente quasi 3 settimane che tutti invitano a stare a casa. A non uscire se non per motivi urgenti. Un appello che viene diffuso da tutti, dai sindaci al governo, senza dimenticare forze dell’ordine e protezione civile. Eppure in diverse zone della provincia l’allarme viene del tutto ignorato. Anche perché quello scoperto dalle forze dell’ordine ha del clamoroso: a San Marcellino sono stati sorpresi tre ragazzi mentre organizzavano una partita di calcetto nonostante l’allarme coronavirus.

Qualcuno prima di chiamare le forze dell’ordine ha anche ripreso i giocatori che stavano tranquillamente giocando al pallone come fosse una giornata normale. Un comportamento irresponsabile in queste settimane nelle quali si attende il picco dell’infezione e quindi è fondamentale restare a casa per evitare i contatti. Ed invece nonostante gli aumenti di contagio spesso l’allarme viene disatteso con comportamenti che vengono sanzionati dalle forze dell’ordine. Così come successo a questi tre ragazzi di San Marcellino che sono stati denunciati alle autorità competenti e dovranno, in futuro, rispondere dei loro comportamenti.