Assalti armati agli imprenditori di Caserta e Salerno, sgominata la banda: 5 arresti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Quattro arresti convalidati, mentre per il quinto sono stati disposti i domiciliari. E’ l’esito del blitz della Squadra Mobile della Questura di Caserta effettuato lo scorso 11 marzo. I fermati sono il 46enne Domenico Langella (che è finito ai domiciliari) e il 39enne Luigi Coppola, entrambi di San Marzano sul Sarno (provincia di Salerno), il 21enne Luigi Scoppetta di Pagani, il 39enne Salvatore Di Sarno e il 55enne Francesco Avino, entrambi di Poggiomarino. Un sesto componente del sodalizio criminale è stato denunciato a piede libero per il delitto di favoreggiamento personale. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere, rapina aggravata, tentata rapina, detenzione e porto di armi da fuoco alterate e clandestine, con relativo munizionamento, resistenza e violenza a pubblico ufficiale e altro, commessi nelle province di Caserta e Salerno tra novembre e dicembre dello scorso anno.

Nel corso dell’esecuzione delle perquisizioni delegate, nell’abitazione di Luigi Coppola sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro 3 proiettili cal. “9 x19” “parabellum” nonché una catena lunga 3 metri, munita di chiodi in ferro. In ordine a tali fatti, Coppola è stato denunciato anche per il delitto di detenzione illegale di munizioni.Il provvedimento eseguito rappresenta l’epilogo di un’attività d’indagine diretta dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, che vedeva la sua genesi in una violenta rapina consumata lo scorso 5 novembre 2019 a Caserta, in danno di un noto professionista e della moglie. Nella circostanza, 4 soggetti, travisati e armati di pistole e spranghe di ferro, dapprima avevano sbarrato la strada alle vittime, che stavano facendo rientro in casa, con l’utilizzo di autovetture provento di furto; quindi, scesi dai mezzi, avevano infranto i vetri del veicolo delle vittime, sottraendo loro orologi e gioielli nonché una borsa, contenente quasi 2.500 euro in contanti.

Le immediate attività investigative, sviluppate dalla Sezione Antirapina della Squadra Mobile casertana, portavano a individuare i componenti della banda, in riferimento alla quale veniva svolta anche un’intensa attività tecniche di intercettazione. Nel corso delle indagini, emergeva che il sodalino criminale, con base logistica a San Marzano sul Sarno, consumando rapine a mano armata ai danni di imprenditori facoltosi tra le province di Caserta, Salerno e Napoli. Nel corso delle indagini veniva rilevata la pianificazione Din un nuovo assalto armato ai danni di due imprenditori di Pontecagnano. Per tal motivo, la sera del 21 dicembre, il personale della Mobile intervenire per bloccare il commando, che si accingeva ad aggredire le vittime mentre facevano ritorno nelle abitazioni. Durante l’operazione, gli agenti esplodevano alcuni colpi d’arma da fuoco per tentare di arrestare i malviventi i quali, pur dandosi alla fuga, non avevano esitato a putnare le armi verso i poliziotti, tentando persino di investirli con la propria autovettura. Al termine dell’operazione gli agenti traevano in arresto Salvatore Di Sarno e sequestravano strumenti da scasso, guanti, passamontagna, munizioni e numerose armi da fuoco, alterate e clandestine, trovate nella disponibilità dei criminali.


Torna alla Home


Villaricca, scatta l’allarme del braccialetto elettronico e lo trovano con droga: arrestato

A Villaricca, un giovane di 18 anni, Arsenio Ascione, già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato dai carabinieri locali per detenzione di droga a fini di spaccio. Il ragazzo era agli arresti domiciliari e quando è scattato l'allarme del suo braccialetto elettronico, i militari hanno deciso di intervenire per...

Napoli, processo crollo Galleria Umberto: due imputati rinunciano alla prescrizione

Due dei cinque imputati nel processo d'appello sulla tragedia della Galleria Umberto I di Napoli, accaduta il 5 luglio 2014, hanno deciso di rinunciare alla prescrizione. In quella tragica giornata, lo studente quattordicenne Salvatore Giordano, residente a Marano di Napoli, perse la vita a causa delle gravi ferite riportate quando...

Altre tre scosse di terremoto nella notte ai Campi Flegrei

Non si ferma lo sciame sismico nei Campi Flegrei. Nella notte appena trascorsa i sismografi dell'Ingv hanno registrato tre movimenti tellurici con epicentro nella Solfatara di magnitudo compresa fra i 2.0 e i 2.5. Il primo sisma è stato registrato alle 3,34 ed è stato di magnitudo 2. Poi alle...

Camorra, niente giustizia riparativa per Mariano Riccio: la Dda chiede l’ergastolo

Il boss scissionista dopo essersi dissociato ha tentato la carta della riduzione della pena che è stat respinta:: Chisto il massimo della pena per gli omicidi Abrunzo Gaiola del 2021

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE