Vertenza Jabil, l’azienda: ‘Ricollocazione o licenziamenti’

SULLO STESSO ARGOMENTO

L’unica possibilita’ per i dipendenti dello stabilimento Jabil di Marcianise (Caserta) di evitare che scattino i licenziamenti dal prossimo 23 marzo, e’ accettare il piano di reimpiego presso altre realta’ produttive proposto dai vertici dell’azienda. Lo dice a chiare lettere una nota della Jabil Circuit Italia, che interviene sulla vertenza che la vede contrapposta da mesi ai 700 lavoratori del sito di Marcianise; una vertenza avviata dalla decisione della multinazionale americana dell’elettronica, presa nel giugno 2019, di dichiarare 350 esuberi allo stabilimento casertano. Ad ora, sono 78 i dipendenti che hanno accettato il reimpiego presso altre aziende proposte da Jabil o l’esodo volontario incentivato. Per altri 272 addetti la Jabil ribadisce che l’unica strada, se si eccettua l’esodo volontario – poco gradito ai lavoratori vista l’esiguita’ dell’incentivo – e’ proprio la ricollocazione presso altre aziende; anche questo piano e’ per visto con diffidenza, per ora, dai lavoratori e dai sindacati, che chiedono maggiori certezze e garanzie. “E’ possibile – dice la nota della Jabil – risolvere il problema dei licenziamenti e assicurare immediatamente una nuova opportunita’ di lavoro in zona a tutti i dipendenti in esubero di Jabil. A tutti i dipendenti e’ stata data l’opportunita’ di accettare nuovi posti di lavoro in 44 imprese locali che sono state coinvolte in questo processo, ma purtroppo fino a oggi solo 78 dipendenti, dei 350 esuberi, hanno accettato un nuovo impiego in una di queste societa’. Per di piu’, queste societa’ hanno messo a disposizione un numero di posti di lavoro maggiore rispetto ai dipendenti di Jabil in esubero. Jabil – prosegue la nota – conferma dunque il suo impegno a non procedere unilateralmente ai licenziamenti fino al 23 marzo 2020, quando scadra’ la CIGS. Fino a questa data rimarra’ completamente impegnata nel programma di ricollocamento e incentivazione offerti, ma purtroppo, a partire dal 23 marzo non vi sara’ altra possibilita’ se non quella di procedere al licenziamento collettivo dei rimanenti esuberi”






LEGGI ANCHE

Camorra, sequestro beni allo sponsor della Casertana calcio

Sequestro beni per oltre 1,5 milioni di euro a imprenditore ritenuto contiguo al clan Belforte dei Marcianise. E tra i beni sequestrati c'è anche...

Napoli, chiede scusa in aula e vuole risarcire il motociclista che investì e uccise Elvira Zibra sul Lungomare

Processo al motociclista napoletano Gianluca Sivo accusato di omicidio colposo per la morte di Elvira Zibra, investita mentre era in sella alla sua moto...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE