Lavoro

Fca: operai trasferiti a Nola



fca: operai trasferiti a nola




Nuovo processo d’Appello per la vicenda dei 316 operai Fca, di cui 77 iscritti allo Slai-Cobas, trasferiti da Pomigliano a Nola. Lo ha deciso la sezione Lavoro della Corte di Cassazione, presidente Vittorio Nobile, con una sentenza, la prima del 2020, depositata lo scorso 2 gennaio, dopo la pubblica udienza del 23 maggio scorso. Il procedimento giudiziario per condotta antisindacale ha visto il tribunale di Nola in primo grado dare torto agli operai, difesi dagli a Giuseppe Marziale e da Patrizia Todaro, e poi la corte d’Appello di Napoli il 21 novembre 2014 aveva confermato come legittimo il comportamento dell’azienda. La Suprema Corte si e’ pronunciata sul ricorso presentato da Marziale, che sottolineava soprattutto come in base alle direttiva europea 2000/78 recepita dal dl.leg 150/2011, l’onere di provare di aver agito non in maniera discriminatoria era di Fca. “Sulla base di tali premesse – scrive il giudice relatore, Rosa Arienzo – deve ritenersi erronea la sentenza impugnata laddove e’ addossato l’onere probatorio, definito attraverso il richiamo integrale ai canoni dell’ articolo 2729, al sindacato senza tener conto del descritto criterio di agevolazione che si esprime in una diversa ripartizione degli oneri di allegazione e soprattutto della relativa prova”. Nella pubblica udienza, anche il sostituto pg Rita Sanlorenzo si era espressa per l’accoglimento delle tesi dell’avvocato degli operai. La Cassazione dunque ha disposto un nuovo giudizio di secondo grado a Napoli con un collegio in composizione diversa dal precedente.

Google News

Epifania: a Napoli festa in Piazza del Plebiscito

Notizia precedente

Castellammare, droga nascosta nell’ascensore di un condominio: sequestrata

Notizia Successiva


Ti potrebbe interessare..