Striscione di Casapound contro l’associazione Artur. Borrelli: ‘Difendiamo e sosteniamo Maria Luisa Iavarone...

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Baby gang, degrado, spazi di aggregazione. Foria ha bisogno di risposte non di murales” è una scritta apparsa su uno striscione, firmato da Berta-Casa Pound ,apposto sulla ex Caserma Garibaldi. Si tratterebbe di una forma di protesta, o intimidazione, nei confronti di un progetto portato avanti dall’Associazione Artur, fondata da Maria Luisa Iavarone, la mamma di Arturo, un ragazzo che fu vilmente aggredito a Via Foria da una baby-gang riducendolo in fin di vita.

“La signora Iavarone ha tutto il nostro appoggio e per questo difenderemo a spada tratta sue iniziative e quelle sostenute dall’associazione da lei fondata perché atte ad apportare miglioramenti sociali, mentali e territoriali in quartieri a rischio. Gli atti intimidatori sono assolutamente un gesto vigliacco e vanno combattuti. Se poi, quello di Casapound, fosse solo una manifestazione di dissenso o una richiesta allora proponesse idee e azioni alternative concrete per aiutare il territorio e non discutibili striscioni affissi tra l’altro in modo abusivo”- ha sostenuto il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli a sostegno di Maria Luisa Iavarone.






LEGGI ANCHE

Camorra, sequestro beni allo sponsor della Casertana calcio

Sequestro beni per oltre 1,5 milioni di euro a imprenditore ritenuto contiguo al clan Belforte dei Marcianise. E tra i beni sequestrati c'è anche...

Napoli, chiede scusa in aula e vuole risarcire il motociclista che investì e uccise Elvira Zibra sul Lungomare

Processo al motociclista napoletano Gianluca Sivo accusato di omicidio colposo per la morte di Elvira Zibra, investita mentre era in sella alla sua moto...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE