Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Miano

Napoli, il deposito giudiziario di Miano stracolmo corre il rischio di diventare una bomba ecologica

Pubblicato

in



Il deposito giudiziario del quartiere Miano di Napoli è da anni stracolmo di veicoli tant’è che non vi è più alcuno spazio per ospitarne di nuovi. “E’ una situazione assurda che va assolutamente affrontata affinché si possano avere delle risposte, e quindi delle soluzioni, inerenti anche all’impatto ambientale che può avere una simile condizione che potrebbe trasformarsi in una bomaba ecologica . Inoltre tutto ciò può trasformarsi un invito implicito a trasgredire le leggi. E’ necessario avviare nuove procedure per il sequestro e la rimozione dei mezzi procedendo all’utilizzo di nuovi carriattrezzi anche di privati e alla possibilità della rivendita di auto e scooter da parte del comune se i proprietari non li vanno a riprendere pagando multe e cauzione in tempi ragionevoli. L’immobilismo di questi anni causato anche dalla Prefettura di Napoli ha prodotto due risultati negativi: il primo è che i sequestri di auto e moto sono stati pochi creando nella testa dei cittadini un implicita autorizzazione a violare le leggi e il secondo il mancato introito per multe e sequestri per comuni e stato centrale. Un disastro che porta la firma della peggiore burocrazia.” – ha dichiarato il Consigliere Regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Giudiziaria

Omicidio del giovane calciatore di Miano: chiesta la conferma dei 17 anni di carcere per l’assassino

Pubblicato

in

omicidio giovane calciatore miano

Napoli. Il procuratore generale della Corte di Appello di Napoli ha chiesto la conferma della condanna a 17 anni di reclusione per Alfredo Galasso il 32enne reo confesso per l’omicidio Raffaele Perinelli, il giovane calciatore di Napoli accoltellato dopo una lite  davanti a un circolo ricreativo di Miano, il 6 ottobre del 2018.

 

Per Galasso il pm in primo grado aveva richiesto una condanna a 30 anni di reclusione. Il processo si era celebrato con rito abbreviato davanti al gup Pietro Carola. Galasso era reo confesso e  aveva chiesto scusa in aula alla famiglia del giovane calciatore di Miano. Lello Perinelli, 21 anni, morì l’8 ottobre 2018, accoltellato al cuore dall’omicida 31enne per una lite che risaliva a otto giorni prima. I due facevano parte dello stesso gruppo di amici.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, Galasso in aula: ‘Chiedo perdono alla famiglia di Lello Perinelli’

Napoli, omicidio di Lello Perinelli, la famiglia e l’avvocato in aula: ‘Fu premeditato’

Dal giorno del diverbio, Galasso era uscito di casa con un coltello dalla grande lama, mai ritrovato. Quando i due si incontrarono di nuovo per strada, volarono parole grosse, e Galasso estrasse il coltello e uccise Perinelli.

Continua a leggere



Cronaca Napoli

Napoli, edificio abusivo sequestrato dalla polizia a Miano

Pubblicato

in

Napoli. Sabato pomeriggio i poliziotti del Commissariato Scampia e il personale dell’Unità Operativa tutela edilizia della Polizia Locale di Napoli sono intervenuti in via 2^ traversa di via Janfolla nel quartiere di Miano in seguito alla segnalazione di un’edificazione abusiva sul suolo pubblico.

Gli agenti hanno constatato che una porzione dell’androne di un palazzo era stata chiusa da un muro, ricavandone così un appartamento di circa 60 metri quadrati in fase di realizzazione, il tutto spostando il portone d’ingresso dall’alloggiamento originario.
All’interno dell’appartamento gli agenti hanno rinvenuto diversi cavi elettrici utilizzati per prelevare energia elettrica per gli utensili da lavoro senza alcuna presenza di un quadro di protezione; inoltre, l’intervento di personale specializzato della società elettrica ha consentito di accertare l’appropriazione fraudolenta dell’energia elettrica.

I committenti del manufatto, due napoletani di 21 e 23 anni, sono stati denunciati per furto di energia elettrica, invasione di terreni o di edifici e edificazione abusiva su suolo pubblico. Inoltre, l’opera abusiva è stata sottoposta a sequestro.

Continua a leggere



Le Notizie più lette