Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Avellino e Provincia

Concussione: indagato il procuratore aggiunto di Avellino

Pubblicato

in



La Procura di Roma ha iscritto nel registro degli indagati, per concussione, il procuratore aggiunto di Avellino, Vincenzo d’Onofrio nell’ambito della stessa indagine che vede indagato l’ex capo degli ispettori del Ministero della Giustizia Andrea Nocera a cui si contesta la corruzione in concorso. Lo rendono noto organi di stampa. Indagati, sempre per corruzione in concorso, anche l’ex senatore di Forza Italia, Salvatore Lauro, e l’armatore Salvatore Di Leva sul cui cellulare gli investigatori, nell’ambito dell’indagine “madre”, hanno inoculato il trojan che ha consentito di intercettare la conversazione ritenuta chiave. Gli accertamenti su D’Onofrio, passati per competenza a Roma, sono finalizzati ad accertare una presunta pressione esercitata sull’armatore Di Leva, finalizzata a fargli riparare una barca usata per gite nel Golfo di proprietà di Pasquale D’Aniello, vicesindaco di Piano di Sorrento. Nelle indagini risulta coinvolto anche l’ufficiale della Guardia di Finanza Gabriele Cesarano.

Continua a leggere
Pubblicità

Avellino e Provincia

Focolaio Coronavirus a Montella: attivita’ commerciali e scuole chiuse

Pubblicato

in

Focolaio Coronavirus a Montella: attivita’ commerciali e scuole chiuse

Attivita’ commerciali sospese dopo che sono stati riscontrati 6 casi di contagio da Covid-19. Accade a Montella, nell’Avellinese, dove il sindaco, Rino Buonopane, ha disposto la sospensione delle attivita’ didattiche in tutte le scuole fino al 14 ottobre prossimo, avendo ricevuto la comunicazione da parte dell’Asl di Avellino. Una misura precauzionale, durante il periodo in cui saranno effettuate tutte le indagini epidemiologiche per evitare l’espandersi di quello che appare come un focolaio.

 

Continua a leggere



Area Flegrea

Strage del bus ad Avellino: l’avvocato scopre il nome del meccanico che serro’ i perni

Pubblicato

in

La sua identita’ era rimasta avvolta nel buio ma ora, grazie a una complessa indagine difensiva, potrebbe fornire informazioni utili sulla tragedia del bus precipitato la sera del 28 luglio 2013 dal viadotto Acqualonga, sull’autostrada A16, nei pressi di Monteforte Irpino (Avellino), il grave incidente stradale nel quale persero la vita 43 persone.

L’avvocato Sergio Pisani, che difende Gennaro Lametta, il proprietario del bus, ha rintracciato attraverso una sua attivita’ investigativa colui che materialmente, secondo quanto risulta in una registrazione ambientale annessa agli atti, controllo’ i bulloni della trasmissione del bus pochi giorni prima della tragedia. L’avvocato Pisani ha consegnato il dossier alla Corte di Appello di Napoli davanti alla quale e’ in corso il processo di secondo grado sulla cosiddetta strage del viadotto Acqualonga. E’ quindi probabile che i giudici di secondo grado possano convocare il meccanico, di cui finora si conosceva solo il nome di battesimo, per acquisire cosi’ la sua testimonianza e ulteriori informazioni sulla vicenda

. Secondo quanto e’ emerso dall’incidente probatorio sul mezzo, i serbatoi dell’olio dei freni furono danneggiati e resi inservibili a causa del distacco della trasmissione determinata dall’errato serraggio dei perni. Per l’avvocato di Gennaro Lametta, condannato in primo grado a 12 anni di reclusione, la responsabilita’ del grave incidente stradale appartiene alla Societa’ Autostrade, che non esegui’ la dovuta manutenzione sulle barriere laterali del viadotto, e a chi si occupo’ della serraggio dei perni della trasmissione.

Continua a leggere



Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette