Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Musica

Tutto il programma della X edizione di ‘Musica contro le mafie’. The Zen Circus e Motta tra gli ospiti

Pubblicato

in



La manifestazione ideata e curata dall’Associazione Musica contro le mafie, annuncia il programma completo. Dal 3 al 7 dicembre 2019 si svolgerà a la “5 Giorni di Musica contro le mafie” che dopo aver comunicato la presenza di Willie Peyote, Antonio Nicaso, Lirio Abbate, Giorgio Poi e Margherita Vicario si arricchisce ulteriormente di contenuti musicali, cinematografici, teatrali con panel e workshop dedicati agli studenti e ai ragazzi provenienti da tutta Italia. diventa così teatro di incontri, proiezioni, giochi educativi, mostre, concerti, showcase [e le finali nazionali del Premio omonimo]; tesi a tenere viva la memoria delle vittime innocenti di mafie. Un ciclo di racconti forti e costanti che evidenziano le storie importanti che hanno segnato la società civile del nostro paese. Tutto ciò avviene grazie alla forza espressiva delle immagini, della parola e della musica per far riflettere, ricordare persone e veicolare messaggi profondi.
L’obiettivo di “Musica contro le mafie” è il forte impegno nella diffusione di“Buone Idee e Buone Prassi”
IL PREMIO E LA MUSICA DAL VIVO
I nuovo protagonisti annunciati sono: e che ritireranno – con Willie Peyote – il Premio Speciale il 7 dicembre in una serata speciale presso il Teatro Morelli (ore 21.30) di Cosenza. A completare una folta compagine musicale ci saranno: Mirkoeilcane, Maria Antonietta e La Rappresentante di Lista presso la Sala Espositiva ex M.a.m.
Il 5 dicembre dalle ore 19.30 la cantante e scrittrice Maria Antonietta si esibirà in un set presentando i brani estratti dai suo tre album compreso l’ultimo “Deluderti”. Il 6 dicembre, alle 19.30, sarà la volta del cantautore Mirkoeilcane. Dopo essersi fatto notare ai premi Musicultura e Tenco ottiene il riconoscimento della critica Mia Martini a Sanremo 2018, pubblica il suo primo romanzo “Whisky per favore” e poi due album. Di recente ha firmato la colonna sonora del film “A Mano Disarmata” di Claudio Bonivento tratto dall’omonimo romanzo autobiografico di Federica Angeli, giornalista italiana conosciuta per le sue inchieste sulla mafia romana, con protagonista l’attrice Claudia Gerini. Infine il 7 dicembre, sempre alle 19.30, ci sarà il live set de La Rappresentante di Lista, il gruppo presenterà in versione acustica il suo repertorio compreso i brani dell’ultimo lavoro “Go Go Diva” pubblicato dalla rinomata Woodworm Label.
LA GRAFICA E LA MOSTRA
La grafica ufficiale di Mvsm 2019 è realizzata da Lelio Bonaccorso, fumettista e illustratore collaboratore di Walt Disney Comics, Corriere della sera, Unità, Gazzetta dello sport, Wired. Recentemente ha pubblicato (con Marco Rizzo) “…a casa nostra. Cronaca da Riace” (edizioni Feltrinelli Comics) un nuovo esempio di graphic journalism sul campo, che include un’intervista a Mimmo Lucano e le testimonianze di migranti e operatori, oltre a storie di successi e tragedie, di incubi burocratici e orrori quotidiani: una cronaca a fumetti dei destini di coloro che sbarcano nel nostro paese.
IL CONCORSO
Il prossimo 23 novembre verranno decretati i 10 finalisti sugli oltre 350 partecipanti al concorso i quali si esibiranno nei giorni 6-7 dicembre dalle ore 9.30 presso il Teatro Morelli di Cosenza. Le due finalissime del “Premio Musica contro le mafie 10ma edizione” vedranno la conduzione di Filippo Roma de Le Iene.
Da evidenziare, l’intervento del presidente onorario di Musica contro le mafie – – che incontrerà i giovani studenti in un momento di riflessione ed approfondimento.
Si rinnova così la collaborazione con i protagonisti dello storico programma di denuncia e approfondimento che va in onda su Italia1; con lui sul palco, in una sorta di music-show i “Giudici on Stage”: il trombettista siciliano Roy Paci, la cantante jazz Serena Brancale e il rapper di denuncia Picciotto.
Oltre ai Giudici ci sarà anche la Giuria Demoscopica di Studenti on Stage, Giuria Streaming in diretta Facebook e la Giuria Smart composta dal pubblico presente in sala che attraverso il loro smartphone voterà via WhatsApp.
Ospiti d’eccezione nei due giorni di finale i vincitori delle scorse edizioni: Gero e gli ABC Positive+ insieme a Gloria Galassi (vincitrice del premio Musica contro le mafie a “Special Stage” di Officine Buone) e Le Cose Importanti (vincitori del Contest Uno Maggio Taranto Libero&Pensante)
INCONTRI, PANEL & WORKSHOP
Il 7 dicembre ci sarà un importante ed attuale panel sul tema “Migranti e ONG, cosa accade nel Mediterraneo?” con i giornalisti Gaetano Pecoraro (Le Iene) e Nello Scavo (giornalista d’inchiesta del quotidiano Avvenire) che ci illustreranno “da dentro” dinamiche e retroscena degli ultimi fatti di cronaca avvenuti nei nostri mari con risvolti politici rilevanti. Il 6 dicembre invece gli attori Max Mazzotta e Corrado Fortuna parleranno di “Cinema e impegno sociale, differenze e similitudini tra ieri” argomento che verrà trattato anche per l’ambito musicale da Roy Paci e La Rappresentane di Lista con il panel dal titolo “Musica politica, Musica impegnata, gli artisti devono esprimere il loro parere?”.
“Si può ridere delle mafie? L’ironia e il grottesco per combattere la cultura criminale” sarà il panel che vedrà come ospiti il giornalista Lirio Abbate (vice direttore de L’Espresso) e Pietro Sparacino (stand up comedian, comico, autore e inviato de le Iene); un punto di vista dissacrante che smonterà con ironia l’impalcatura mafiosa.
Importante è la presenza del Truck della Polizia Postale che durante la 5 Giorni presenterà workshop dal titolo “Una vita da Social”; incontri informatici contro i Cyber Reati. Al suo interno, inoltre, ci saranno altri incontri tematici con Marcello Ravveduto, Isaia Sales, Raffaele Sardo, Renata Buonaiuto, Elisa Sovarino che toccheranno temi sensibili alla vita dei ragazzi che troppo spesso sono vittime della rete social e in generale su internet. Infine ogni giorno alle ore 16:00 il Workshop di scrittura e disegno ispirato alla serie a fumetti “Il Commissario Mascherpa” edita da Poliziamoderna (la rivista ufficiale della Polizia di Stato)
Tra gli incontri “utili” segnaliamo la novità di questa edizione. Un momento utile per chi realizza musica d’autore. Ogni sera alle 21:30 ci sarà l’iniziativa “il Tenco Ascolta con Musica contro le mafie” una speciale edizione creata apposta per l’occasione in collaborazione con il Club Tenco che vedrà esibirsi gli artisti Coram Populo, Giuseppe Caruso, Noir Col e Cristiana Verardo (vincitrice di recente del premio Bianca d’Aponte).
Tra le attività off di questa edizione segnaliamo quella che verrà realizzata in collaborazione con Officine Buone associazione che realizza “Special Stage” un format che porta la musica di qualità negli ospedali italiani e coinvolgerà una serie di artisti ospiti per un momento importante per la loro crescita umana e per portare presso l’Ospedale Annunziata della città di Cosenza, in modo pratico e tangibile, la forza della musica.
Il Teatro trova grande spazio tra le attività 2019: presso l’Auditorium Guarasci il giorno 5 dicembre alle ore 9:30 lo spettacolo “I Giorni di Giuda – intervista marziana a Paolo Borsellino” di Angelo Butera con Francesco Vitale e Marco Feo, e il giorno precedente 4 dicembre alle ore 9:30 lo spettacolo dedicato ai più piccoli “Per Questo!” di e con Eleonora Frida Mino.
Ma si darà anche spazio al food con il “combattivo” chef del Mali Bouyagui Konate e la maestra pizzaiola Sabrina Bianco che saranno impegnati, il primo in uno showcooking dal titolo “Racconti in cucina: intercultura a tavola, una ricetta per l’interazione” e l’altra con un gioco educativo dal titolo “Pizza GOOD Connection”. Entrambi gli eventi utilizzeranno prodotti provenienti dai terreni confiscati alle mafie di Libera Terra.
La Sala Espositiva (ex M.A.M.), centro focale dell’intera manifestazione, avrà al suo interno le mostre di due artiste di fama nazionale: LadyBe (Letizia Lanzarotti) Art, Music, Plastic – “I volti musicali nati dal Riciclo” e la fotografa Chiara Leone – “Il Corpo Inatteso”,sul mondo femminile o forse sull’antico femminino.
“Musica contro le mafie” è un collettivo che diventa ogni anno più grande e più ricco, di donne e di uomini, di idee nuove, di energie giovani, di note sempre attuali che vanno oltre le persone che oggi rappresentano questo “Noi”, rendendolo un generatore di buone pratiche da contrapporre alla globalizzazione delle cattive idee. E’ un progetto folle probabilmente… ed è proprio per questo che ci piace portarlo avanti!”– dice il direttore artistico e presidente dell’associazione Gennaro de Rosa.

Continua a leggere
Pubblicità

Musica

Messa all’incanto a La casa del Mandolino Napoletano

Pubblicato

in

La Casa Del Mandolino Napoletano, nell’ambito della stagione degli eventi previsti per l’autunno 2020, ospita questo fine settimana due eventi di grande di grande intensità emotiva e spessore , proponendo due spettacoli che rappresentano due diverse espressioni artistiche, danza e concerto di strumenti a plettro, appartenenti anche a culture diverse, ma simili nel rispetto della tradizione e delle radici culturali.

 

 

Venerdì 2 ottobre, Marie Thérèse Sitzia sul palcoscenico con lo spettacolo di Danza Butoh “Messa All’Incanto”
Partitura per (…) corpi . Primo movimento. La soglia dell’attesa sottende il lavoro di indagine. Piccole azioni, inquadrate in luce diversa, poste in un Incantamento. Ideazione e Danza: Marie-Thérèse Sitzia.

Domenica 4 ottobre il DivaQuartetPlectrum in “Mandolinando”, concerto di strumenti a plettro, repertorio classico napoletano.

Il Quartetto si propone di valorizzare la letteratura cameristica per ensemble a plettro sia di tradizione colta che di musica napoletana; inoltre, sperimenta l’esecuzione di brani appartenenti al repertorio classico e operistico avvalendosi di specifiche trascrizioni. Il DivaPlectrumQuartet mira a far entrare a pieno titolo il mandolino, prezioso e storico strumento partenopeo, nel novero degli strumenti classici: frequentemente, infatti, si associa il mandolino a un’immagine folkloristica e popolare della città di Napoli depauperandolo del suo intrinseco e antico valore musicale.

La formazione, composta da Primo Mandolino: Adolfo Tronco, Secondo Mandolino: Massimiliano del Gaudio, Mandola: Roberto Padula, Chitarra: Giovanni Leonetti, omaggerà Raffaele Calace, grande concertista di liuto cantabile applaudito in tutto il mondo che studiò e perfezionò il mandolino rendendolo lo strumento evoluto di oggi, e proporrà un repertorio di pietre miliari della musica classica napoletana.
Il Quartetto Collabora stabilmente con l’Accademia Mandolinistica Napoletana.

MESSA ALL’INCANTO
Venerdì 2 ottobre ore 18:30 e 20:30
MANDOLINANDO
Domenica 4 ottobre ore 18:30
La Casa del Mandolino Napoletano
Piazzetta Museo Filangieri, 247 Napoli

https://www.facebook.com/events/631333354250452
https://www.facebook.com/events/330188414912691
È obbligatoria la prenotazione
Email: casadelmandolinonapoli@gmail.com
Telefono: 3403334674

Nel rispetto delle normative in materia di prevenzione covid19, secondo DPCM del 11/06/20, l’accesso al pubblico sarà contingentato.

È prevista misurazione della temperatura, sanificazione dell’ambiente prima di ogni spettacolo e l’uso della mascherina durante tutta la permanenza all’interno dello spazio.

Direttore Artistico Adolfo Tronco
Pubbliche Relazioni Liliana Mastropaolo

Contributo della serata €12,00

Continua a leggere



Musica

Profugy, da oggi è disponibile in rete il nuovo singolo che anticipa il prossimo in uscita per Hive Records

Pubblicato

in

E’ on line “Oggi va di moda” il nuovo singolo del gruppo Profugy che anticipa la pubblicazione del terzo album per la label Hive Records.

 

 

 

Massimiliano Lauritano e Francesco Petrone, i Profugy, tornano a pubblicare nuovi brani ancora una volta caratterizzati da liriche ironiche e riflessive. Dopo l’album “Stato Confusionale” (2018), e “Casalingo” (2020), quest’ultimo un esperimento istantaneo di brani nati durante il lockdown; il duo ci presenta un nuovo singolo dal titolo “Oggi va di moda” che anticipa la pubblicazione di un album composto da dieci tracce che uscirà per la label Hive Records il prossimo 30 ottobre.

Come da tradizione del gruppo i testi sono una parte fondamentale nella composizione. Con le loro canzoni i Profugy hanno l’aspirazione di comunicare con il pubblico distratto, purtroppo sempre meno attento alle parole, e privo di sensibilità critica.

Il concept di “Oggi va di moda” nasce da una semplice domanda: “Cos’è che conta davvero?”

Questo è l’interrogativo da cui nasce la riflessione proposta e per capirne il motivo basta guardarsi intorno: “siamo ormai caratterizzati da una serie di abitudini e modi di fare che ci stanno allontanando con forza dal nostro essere umani – dichiara la band – trascorriamo la giornata a condividere ogni singolo momento ancora prima di viverlo davvero; ci sottoponiamo a qualsiasi tipo di contenuto senza mai avere un occhio critico; guardiamo tv spazzatura aspettando che passi il pomeriggio; ascoltiamo politici disinteressati al bene del Paese che si preoccupano solo di fare propaganda; diamo peso e popolarità a personaggi che non ne meriterebbero la metà, mentre oscuriamo personalità colte, studiose, competenti e che davvero potrebbero insegnare tanto alla società; passiamo il tempo a ritrarci in selfie, desiderosi di una parvenza di successo che misuriamo in pollici alzati e cuoricini. Non ci accorgiamo che ciò che stiamo perdendo è quanto di più importante potremmo mai avere: un’emozione, un contatto umano, uno sguardo, una maggiore sensibilità verso la natura, un momento di condivisione reale e non soltanto digitale. Insomma tutto ciò che ci rende più umani e meno lobotomizzati e che ci fa capire cosa è veramente importante e cosa, invece, oggi va di moda”.

Continua a leggere



Le Notizie più lette