FaziOpenTheater

Due serate tutte da gustare per il secondo appuntamento di FaziOpenTheater, la rassegna nazionale di teatro – danza – arti performanti quelle in programma sabato 23 a partire dalle 20.30 e domenica 24 alle 18. La compagnia di Roma Uscite di Emergenza Dance Compani porterà in scena L. Problems, una produzione Atacama per la regia di Davide Romeo. Il direttore artistico ed ideatore della rassegna Antonio Iavazzo, con la responsabile della sezione TeatroDanza Annamaria Di Maio sono riusciti ad assicurare al pubblico di via Seminario a Capua ancora un grande evento che conferma il peso artistico del cartellone. Si tratta […]

Due serate tutte da gustare per il secondo appuntamento di FaziOpenTheater, la rassegna
nazionale di teatro – danza – arti performanti quelle in programma sabato 23 a partire dalle
20.30 e domenica 24 alle 18. La compagnia di Roma Uscite di Emergenza Dance Compani porterà in scena L. Problems, una produzione Atacama per la regia di Davide Romeo. Il
direttore artistico ed ideatore della rassegna Antonio Iavazzo, con la responsabile della
sezione TeatroDanza Annamaria Di Maio sono riusciti ad assicurare al pubblico di via
Seminario a Capua ancora un grande evento che conferma il peso artistico del cartellone. Si
tratta di uno spettacolo unico nel suo genere per la magia e la forza narrativa che i due protagonisti Marco Cappa Spina e Michael Pisano riescono ad esprimere con i loro corpi. “L.
Problems” è un quadro interiore proiettato in uno spazio senza tempo, nel quale due danzatori
si contendono la supremazia, in una dimensione che lascia intendere un’unica via di
risoluzione. In tale contesto, la danza diventa azione efficace attraverso i due corpi che si
studiano, si attaccano, si osservano in silenzio, i corpi finiscono per fondersi in un unico
sistema, il tema del conflitto lascia il posto ad una moltitudine di accezioni e significati. La
caratterizzazione dei due danzatori, apparentemente uguali, diventa il punto di partenza per un viaggio di scoperta di due universi complementari che hanno bisogno l’uno dell’altro. Due
volontà separate, parti integranti di un unico gioco, in un unico spazio dove sembra non
uscirne vivo nessuno, o entrambi. La sinuosità dei corpi e le sospensioni tendono a
sottolineare l’armonia e le energie del sistema, nonostante il contrasto tra i due: uno pone con
durezza la necessità di esternare e la radicalità di voler risolvere anche a costo della vita;
l’altro, cerca di contenere ed arginare le tensioni con la dolcezza, portando dentro di se la
dignità e il coraggio di chi vuole sopravvivere senza tirarsi indietro. Il tema della forza viene
affrontato con verità di azioni e intenzioni. Evocativo e suggestivo, a tratti rituale. L’animalità
dei danzatori chiarisce i contorni di un’umanità che tende allo sfogo, all’implosione ma anche
alla risoluzione e al cambiamento. Il titolo richiama l’album da cui è tratto il tappeto sonoro
della performance: “Luxury problems” di Andy Stott. La scelta musicale evoca la giusta
commistione tra gli aspetti concreti e quelli eterei della performance.


Di Regina Ada Scarico

Ti potrebbe interessare..