Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Cronaca

Decine di lettere dei bambini consegnate alla vedova del carabiniere Mario Cerciello Rega

Pubblicato

in

Mario-Cerciello-Rega-moglie


Decine di bambini hanno consegnato alla vedova di , il carabiniere ucciso a Roma lo scorso luglio, letterine e messaggi di vicinanza per testimoniarle l’affetto e la stima per il militare. I bambini di alcune scuole elementari di Somma Vesuviana, si sono avvicinati a Rosa Maria al termine della cerimonia organizzata nella città natale del vicebrigadiere dalla fondazione Keren Kayemeth LeIsrael (Kkl) Italia Onlus, che ha donato un albero di melograno piantato accanto al monumento ai caduti. Alla cerimonia hanno preso parte i familiari del vicebrigadiere, oltre alla moglie anche la mamma, il fratello e la sorella, il generale del corpo d’armata, Vittorio Tommasone, il vice presidente nazionale di Kkl, Daniel Hayon, il sindaco di Somma Vesuviana, Salvatore Di Sarno. I bambini si sono avvicinati a Rosa Maria che ha rivolto a tutti un sorriso, ascoltando i piccoli che le hanno rivolto parole di apprezzamento per il gesto del carabiniere. I piccoli scolaretti hanno poi consegnato alla donna bandierine dell’Italia con scritte in ricordo di , ed alcune letterine, oltre ad un omaggio floreale per Rosa Maria, per la mamma e la sorella del carabiniere. Le donne si sono poi sciolte in lacrime non appena i bambini si sono allontanati. 

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Giudiziaria

Omicidio del giovane calciatore di Miano: chiesta la conferma dei 17 anni di carcere per l’assassino

Pubblicato

in

omicidio giovane calciatore miano

Napoli. Il procuratore generale della Corte di Appello di Napoli ha chiesto la conferma della condanna a 17 anni di reclusione per Alfredo Galasso il 32enne reo confesso per l’omicidio Raffaele Perinelli, il giovane calciatore di Napoli accoltellato dopo una lite  davanti a un circolo ricreativo di Miano, il 6 ottobre del 2018.

 

Per Galasso il pm in primo grado aveva richiesto una condanna a 30 anni di reclusione. Il processo si era celebrato con rito abbreviato davanti al gup Pietro Carola. Galasso era reo confesso e  aveva chiesto scusa in aula alla famiglia del giovane calciatore di Miano. Lello Perinelli, 21 anni, morì l’8 ottobre 2018, accoltellato al cuore dall’omicida 31enne per una lite che risaliva a otto giorni prima. I due facevano parte dello stesso gruppo di amici.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, Galasso in aula: ‘Chiedo perdono alla famiglia di Lello Perinelli’

Napoli, omicidio di Lello Perinelli, la famiglia e l’avvocato in aula: ‘Fu premeditato’

Dal giorno del diverbio, Galasso era uscito di casa con un coltello dalla grande lama, mai ritrovato. Quando i due si incontrarono di nuovo per strada, volarono parole grosse, e Galasso estrasse il coltello e uccise Perinelli.

Continua a leggere



Cronaca Napoli

Napoli, pusher catturato dai Falchi a Pianura

Pubblicato

in

Napoli. Un pusher 28enne di Pianura è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Ieri mattina i Falchi della Squadra Mobile, durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno effettuato un controllo in via Marano Pianura presso l’abitazione di un giovane che è stato trovato in possesso di 22 bustine contenenti cannabis per un peso complessivo di circa 26 grammi, 2 bilancini e diverso materiale per il confezionamento della sostanza.
L’uomo, un 28enne di Marano di Napoli, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Gli investigatori ora stanno cercando di risalire ai contatti del ragazzo e ai suoi probabili fornitori.

Continua a leggere



Le Notizie più lette