Vertenza guardie giurate: chieste le dimissioni dei segretari nazionali dei sindacati di categoria

Il Presidente nazionale associazione guardie particolari giurate Giuseppe Alviti chiede le dimissioni subito dei tre segretari nazionali della CGIL Uil e CISL della vigilanza privata. “È assurdo che si vada ancora a scioperare ,ancora una volta, per il Ccnl della vigilanza privata scaduta nel 2015 senza sapere cosa i sindacati abbiano proposto in contrapposizione dell’offerta schiavista della parte datoriale in più vanno a discutere col signor Molteni( un semplice sottosegretario che non conosce il 138 del Tulps) discutendo dei requisiti minimi per le guardie particolari giurate come essere diplomati etc etc e il corso minimo d d’inserimento che prevede dati sulla criminologia all antiterrorismo il tutto sempre a 1000 euro al mese e non tutelando la realtà dei Lavoratori costretti a turni massacranti in postazioni fatiscenti e dove chi ragiona con la propria testa richiedendo propri diritti viene mandato in “esilio”. Basta leggere il tulps in materia di gpg che espressamente recita per la gpg il sapere leggere e scrivere, quindi prima cosa costituzionale da fare e riformare il Tulps poi ben vengano innovazioni legate strettamente alle tutele. Il MIUR Molteni le 84 ore su 7 giorni di apprendimento sono solo oppio per i poveri” dichiarano congiuntamente i due leader dell’associazione nazionale guardie particolari giurate Giuseppe Alviti e Giuseppe Cuccurullo.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati