Ryanair annuncia 1500 esuberi tra piloti e personale di bordo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ryanair calcola 1.500 esuberi tra piloti e personale di bordo e nel giro di due settimane metterà a punto i piani sulle uscite. Lo riferisce Bloomberg che ha visionato un videomessaggio dell’amministratore delegato Michael O’Leary allo staff in cui viene spiegato che la compagnia aerea ha bisogno di 1.500 posizioni in meno tra piloti ed equipaggio di quanto inizialmente previsto per via del calo degli utili, dei ritardi nei piani di espansione dovuti allo stop del Boeing 737 Max coinvolto nelle sciagure dei mesi scorsi e anche in vista dell’effetto Brexit. Gia’ lunedì scorso, dopo la diffusione della trimestrale, O’Leary aveva preannunciato tagli al personale, ma senza specificarne l’entità. Nel videomessaggio, invece, O’Leary calcola oltre 500 esuberi tra i piloti e circa 400 fra gli assistenti di volo, aggiungendo che sempre in queste categorie ci sarà bisogno di circa 600 posizioni in meno la prossima estate rispetto a quanto preventivato nei piani di assunzione. “Nelle prossime due settimane faremo del nostro meglio per ridurre al minimo le perdite di posti di lavoro – ha detto O’Leary – ma alcuni in questa fase sono inevitabili”.






LEGGI ANCHE

Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

Pagani, sequestrata una fabbrica che riproduceva illegalmente prodotti della SSC Napoli

Un ingente quantitativo di merce contraffatta sequestrata, tre lavoratori in nero denunciati Nell'ambito dell'intensificazione delle attività di contrasto alla contraffazione, la Guardia di Finanza di...

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE