Napoli, a Castel Capuano, gli operai lanciano i calcinacci dai balconi. Borrelli e Simioli: ‘Modo di fare pericoloso e sconsiderato’

Napoli.“Ci è stato inviato un video che mostra come gli operai che lavorano a Castel Capuano portano fuori i materiali di risulta. In pratica li lanciano dai balconi, facendoli ricadere in un cassone posizionato sul marciapiedi. Tale modo di fare è pericoloso e sconsiderato. Basterebbe una folata di vento per far finire i calcinacci sulla testa di un passante o su un’automobile di passaggio”. Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “Al di là degli ovvi rischi per la sicurezza c’è da mettere in conto anche l’inquinamento acustico. Infatti l’intero vicinato è stato costretto a convivere col rumore generato dall’impatto dei calcinacci con il cassone. Abbiamo inviato una segnalazione alla polizia municipale chiedendo di intervenire al più presto”.

Castel Capuano, calcinacci dal balcone

Assurdo a #CastelCapuano, gli operai lanciano i calcinacci dai balconi. Borrelli e Simioli: “Modo di fare pericoloso e sconsiderato, rumori molesti per tutto il vicinato. Abbiamo inviato una segnalazione alla polizia municipale”“Ci è stato inviato un video che mostra come gli operai che lavorano a Castel Capuano portano fuori i materiali di risulta. In pratica li lanciano dai balconi, facendoli ricadere in un cassone posizionato sul marciapiedi. Tale modo di fare è pericoloso e sconsiderato. Basterebbe una folata di vento per far finire i calcinacci sulla testa di un passante o su un’automobile di passaggio”. Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “Al di là degli ovvi rischi per la sicurezza c’è da mettere in conto anche l’inquinamento acustico. Infatti l’intero vicinato è stato costretto a convivere col rumore generato dall’impatto dei calcinacci con il cassone. Abbiamo inviato una segnalazione alla polizia municipale chiedendo di intervenire al più presto”.

Publiée par Francesco Emilio Borrelli sur Mardi 16 juillet 2019

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati