E’ prevista per oggi, mercoledì 3 luglio, la inaugurazione della mostra “Gli Assiri all’ombra del Vesuvio” al Museo Archeologico Nazionale. La resterà aperta fino al 16 settembre prossimo ed è organizzata in sinergia con l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale” e ISMEO-Associazione Internazionale di Studi sul Mediterraneo e l’Oriente.
L’idea della mostra, sviluppata dalla professoressa Simonetta Graziani che ha lavorato alla sua organizzazione con un gruppo di allievi e colleghi dell’Orientale, è nata da un originale e piuttosto dimenticato patrimonio del Museo. Si tratta di tredici calchi in gesso di rilievi neoassiri da Ninive e Nimrud, i cui originali appartengono alle collezioni del British Museum di Londra e sono esposti nel cosiddetto Assyrian Basement. Le circostanze in cui arrivarono a e in particolare al Museo archeologico sono descritte nel catalogo, così come il clima culturale in cui lo scavatore di Ninive, Austen Henry Layard (1817-1894), poteva sottolineare la sua stima per l’allora direttore del Museo e scavatore di Pompei Giuseppe Fiorelli (1823-1896) è testimoniato dai reciproci scambi di doni, molti dei quali reperti dei rispettivi scavi, secondo un’etica scientifica naturalmente oggi difficilmente condivisibile. La mostra “Gli Assiri all’ombra del Vesuvio” avrà quindi non soltanto la finalità di raccontare le caratteristiche di una grande civiltà del passato, ma anche di porre in evidenza la ragguardevole dimensione del laboratorio culturale offerto dalla dei primi decenni unitari, e infine, obiettivo non ultimo, quello di attirare l’attenzione sull’esistenza a e all’Orientale di una tradizione assiriologica ormai antica e consolidata che raggiunse, durante l’insegnamento attivo del suo fondatore, il professor Luigi Cagni, le dimensioni del più grande centro italiano – e uno dei più grandi d’Europa – di questi studi.

LEGGI ANCHE  Napoli, Osimhen e Anguissa in campo dal 1' contro la Fiorentina
ADS



Regina Ada Scarico, ha lavorato per oltre 15 anni nel mondo del teatro e dello spettacolo in generale e ha avuto esperienze molto lunghe in qualità di amministratrice e coordinatrice di compagnia in spettacoli complessi, con numerosi attori e personale. Ha curato, sempre nell’ambito delle compagnie teatrali e anche nell’ambito più generale dell’organizzazione di eventi, sia i rapporti con Enti e soggetti terzi sia quelli con la stampa e il mondo dei mass media, avendo gestito più volte in piena autonomia l’ufficio stampa in occasione di spettacoli, rassegne, mostre ed eventi

    Napoli, cercasi donatore di midollo per la piccola Diana: il papà lancia un appello al popolo delle Universiadi

    Notizia precedente

    ‘Deimos’, il nuovo lavoro editoriale del maddalonese Luca Biscardi. Disponibile negli store on line

    Notizia Successiva

    Ti potrebbe interessare..