Napoli. “Lunedì mattina ho trovato i file del software gestionale del magazzino criptati e inaccessibili. Qualcuno si è introdotto sul mio server, che opera su una rete locale. Nel pomeriggio ho ricevuto una mail da un indirizzo svizzero, con un’estensione sita a Zurigo, in cui mi si chiedeva il pagamento di 0,66 bitcoin, l’equivalente di 5000 euro. Nella mail era indicato anche l’indirizzo di un sito dove acquistare i bitcoin. Ovviamente hanno scelto questo metodo in modo da non rendere tracciabile il pagamento. Ma non mi piegherò al loro ricatto, oggi stesso sporgerò denuncia”. Gianfranco Lieto è il proprietario di una nota libreria di e, a causa di una truffa informatica, è costretto a lavorare senza il software che gestisce le scorte. In pratica è come se fosse tornato agli anni Ottanta.  “Fortunatamente il tentativo di estorsione è avvenuto a giugno quando non c’è da gestire la vendita dei libri per la scuola. Se fosse accaduto a settembre – aggiunge – sarebbe stato molto più grave”. Dinanzi al tentativo di truffa Lieto ha contattato il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Le truffe telematiche – affermano Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli – rappresentano oramai un vero e proprio problema per gli imprenditori. Quasi tutte le aziende si avvalgono di server e reti locali per gestire le proprie attività. Questo le espone a tentativi di truffa come quelli subiti da Gianfranco Lieto. Questo fenomeno, potenzialmente, può tradursi in una serie di estorsioni a danno delle imprese. Occorre la massima determinazione da parte delle forze dell’ordine contro la criminalità online che si preannuncia come uno dei principali fenomeni delinquenziali dei prossimi anni”.
LEGGI ANCHE  Consegnata al Museo Maradona la prima statua bronzea del D10S, l’evento in diretta su emittenti argentine



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Napoli, la holding del contrabbando era nelle mani del gruppo di piazza Mercato legato ai Mazzarella. TUTTI I NOMI

Notizia precedente

Libra, la moneta virtuale di Facebook, sarà operativa dal 2020

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..