Torre del Greco, benessere e make up per contrastare gli effetti delle cure oncologiche

Un percorso di specializzazione ed un progetto sperimentale, che partirà nel Comune di Torre del Greco, per il benessere, il make up e il contrasto degli effetti collaterali delle cure oncologiche è stato presentato, stamani, nella sede del Consiglio regionale, dalla Presidente del Consiglio regionale, Rosa D’Amelio, dall’assessore regionale alle pari opportunità, Chiara Marciani, dalla consigliera delegata per le pari opportunità, Loredana Raia, dal primario della breast unit di senologia dell’Azienda ospedaliera “Moscati”, Carlo Iannace. All’iniziativa hanno preso parte anche la delegata alle pari opportunità del Comune di Torre del Greco, Iolanda Mennella, e la farmacista cosmetologa Myriam Mazza. L’incontro è stato moderato dalla giornalista, Ilaria Perrelli. “Ci sono 50 mila nuovi casi all’anno in Campania di tumore al seno e c’è ancora tanto lavoro da fare per la prevenzione, per la cura, per garantire alle donne sottoposte a cure oncologiche benessere e qualità della vita  – ha detto Iannace – Finalmente si affronta un tema fondamentale, quello del contenimento dei danni estetici provocati da cure oncologiche, così come è molto importante affrontare anche la problematica della procreazione assistita quando essa può essere compromessa dalle cure oncologiche, come ben ha fatto il Presidente De Luca”. “Sottolineo l’importanza di questa iniziativa che affronta un tema fondamentale, quello della salvaguardia della femminilità e dell’aspetto fisico nelle cure oncologiche” – ha detto Raia – il cancro è una forma di violenza sulle donne e noi la contrastiamo in tutti i suoi aspetti”‘. Per l’assessore Marciani: “Abbiamo messo in campo una forte strategia per contrastare gli effetti collaterali delle cure oncologiche e puntare su corsi di formazione estetici a ciò dedicati e per intervenire, come Regione, per sostenere l’acquisto delle parrucche necessarie per l’alopecia provocata dalla chemioterapia”. “Sono orgogliosa di essere stata la prima firmataria di una norma, condivisa da tutto il Consiglio regionale e contenuta nella legge di Stabilità regionale, per destinare 300 mila euro in tre anni per l’acquisto di parrucche da parte di donne sottoposte a cure oncologiche – ha aggiunto D’Amelio – e sono molto felice di questa forte sinergia che stiamo conducendo per la difesa della salute delle donne, che sono il pilastro della società”.

Contenuti Sponsorizzati