Rifiuti della Lea, indagato il sindaco Antonello Velardi

SULLO STESSO ARGOMENTO

Marcianise. Il pubblico ministero della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, Gerardina Cozzolino ha chiuso le indagini sulla vicenda della Lea, la struttura di stoccaggio di rifiuti.
Dunque ai sensi dell’articolo 415 bis del codice di procedura penale, ha notificato il decreto che vale anche come informazione di garanzia, alle persone sottoposte ad indagini.
Tra gli indagati c’è anche il sindaco di Marcianise, Antonello Velardi. Nulla si può ancora dire con precisione sull’addebito sull’ipotesi di reato che resterà tale fino ad una eventuale, e a questo punto probabile, richiesta di rinvio a giudizio che potrebbe arrivare da qui ad un mese . A quel punto gli indagati diventerebbero imputati a tutti gli effetti, dovendo affrontare la cosiddetta udienza preliminare o udienza filtro che dir si voglia. Gli indagati dal momento della notifica del decreto, hanno 20 giorni di tempo per chiedere di essere ascoltati e per presentare, eventualmente, memorie difensive.






LEGGI ANCHE

Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE