Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Caserta e Provincia

Marcianise: ricorso al Tar contro il diniego da parte del comune di costruire il ‘Parco dell’amore’

Pubblicato

in



Ai giudici l’ultima parola sul parco dell’amore. l love parking a Marcianise “s’ha da fare”. Il rigetto della richiesta di permesso a costruire protocollata in Comune dalla società Costruzioni Salzillo s.r.l, che aveva chiesto all’Ente guidato da Antonello Velardi di poter costruire un parcheggio ad ore a pagamento, è stata infatti impugnata al Tar della Campania.

 Gustavo Gentile

Continua a leggere
Pubblicità

Caserta e Provincia

Dodici sindaci casertani scrivono ad Asl: “Dia i nomi dei positivi”

I sindaci non possono tracciare eventuali contatti di positivi. Lo scrivono in una lettera al direttore dell’Asl di Caserta i 12 primi cittadini dell’agro aversano chiedendo aiuto.

Pubblicato

in

I sindaci non possono tracciare eventuali contatti di positivi. Lo scrivono in una lettera al direttore dell’Asl di Caserta i 12 primi cittadini dell’agro aversano chiedendo aiuto.

“Abbiamo una problematica relativa alla comunicazione al sindaco dei nominativi dei positivi – spiegano – siamo in grandi difficolta’ in quanto si e’ persa qualsiasi tracciabilita’ dei positivi. Non abbiamo nemmeno notizia dei soggetti posti in isolamento fiduciario”. “E’ necessario che i sindaci vengano messi a conoscenza dei cittadini positivi al tampone – si legge nella missiva – quantomeno per attivare i protocolli in materia di rifiuti e per poter avviare anche attivita’ di controllo dei familiari che potrebbero essere veicoli di ulteriori contagi. Siamo in condizioni difficili su questo tema in quanto non si riesce a comprendere il numero reale dei positivi, inoltre non si hanno notizie dei guariti”.

“Il bollettino dell’Asl giornaliero indica dei numeri per ogni paese ma non vi e’ alcuna comunicazione ai sindaci dei nominativi – continua la lettera – li esami svolti presso i laboratori privati non sempre sono caricati sulle piattaforme, e spesso non vengono eliminati, fra i contagi, le persone guarite. Il grido di allarme che arriva dai nostri territori e’ in particolare rivolto a segnalare il fatto che i cittadini molto spesso hanno difficolta’ a svolgere i tamponi e non hanno notizie degli esiti, sia del primo tampone sia di quello di controllo a fine quarantena. Questo ritardo crea immense difficolta’ a tantissime persone aumentando enormemente il grado di sofferenza costrette ad una condizione di ‘sequestrati in casa’”. Per questo i sindaci chiedono “un ulteriore sforzo organizzativo, per quanto possibile, finalizzato a trovare soluzioni per risolvere questa situazione”.

Continua a leggere

Le Notizie più lette