L’assassino di Mariarca chiede un altro sconto di pena: ‘Troppi 20 anni’

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Ma quale appello, direttamente la pena di morte, ci vorrebbe”. A parlare è Assunta Mennella, sorella Mariarca Mennella, la donna uccisa dall’ex marito, Antonio Ascione il 23 luglio 2017, a Musile di Piave, in provincia di Venezia. La donna commenta il ricorso in appello alla condanna a venti anni presentato dall’avvocato Giorgio Petramelara, legale dell’ex marito di Mariarca, il pizzaiolo di Torre del Greco, Antonio Ascione (anche Mariraca era di origini coralline), condannato lo scorso 4 ottobre dal Tribunale di Venezia per l’omicidio della 38enne. Ad Assunta sono stati affidati i figli di Mariarca e Antonio. L’avvocato di parte civile Alberto Berardi, che assiste i familiari della vittima con Studio 3A é fiducioso per l’appello: “Era prevedibile che il legale di Ascione impugnasse la sentenza di primo grado e d’altra parte e’ un diritto dell’imputato: ne prendo atto – commenta il legale – Premesso questo, confido assolutamente che la pena venga confermata integralmente e con fondate regioni”. Per l’avvocato di Ascione sono troppi 20 anni di carcere: Puntiamo sulle attenuanti generiche e continuiamo a sostenere che fu un raptus. Il giudice già non ha riconosciuto la premeditazione e i futili motivi”, ha spiegato l’avvocato Pietramelara. Domenica sera su Rai 3 la storia di Mariarca Mennella sarà raccontata dalla trasmissione ‘Amore criminale’, condotta da Veronica Pivetti.







LEGGI ANCHE

Sorrento, rubano bici: arrestati due marocchini

Nella mattinata di ieri, gli agenti del Commissariato di Sorrento hanno tratto in arresto due uomini, un 38enne e un 31enne di origine marocchine,...

 San Felice a Cancello, aveva 151 dosi di cocaina: arrestato 34enne

Un uomo di 34 anni di San Felice a Cancello è stato arrestato dai carabinieri mentre si trovava in possesso di 151 dosi di...

Lavori di demolizione al Ponte Morandi: la camorra non c’era

Nell'estate del 2019, tutti gli organi di stampa diffusero una notizia preoccupante riguardante l'arresto di due imprenditori coinvolti nei lavori di demolizione del Ponte...

Camorra, il boss pentito Pasquale Cristiano: “Ci fu un summit di 30 persone per decidere di eliminarci”

La faida di camorra che nei mesi scorsi ha insanguinato le strade di Arzano e dei comuni vicini aveva trovato il suo apice nel...

Agguato a Scampia: feriti il capo piazza Giancarlo Possente e un amico

I feriti sono Giancarlo Possente, capopiazza alla "33" per conto degli Abbinante e Pasquale Parziale ritenuto vicino alla Vanella Grassi

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE