Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Dalla Rete

Scommesse nel 2018: spesi 18,9 miliardi di euro

Pubblicato

in



I dati delle scommesse del 2018 confermano una tendenza già nota negli ultimi anni. Gli italiani spendono in misura crescente per i casinò virtuali, il lotto e le scommesse sportive mentre scende invece l’uso delle slot. L’impegno economico di 18,9 miliardi di euro ha dato un incasso allo Stato di 9,9 miliardi di euro, registrando così un aumento dello 0,9% rispetto allo scorso anno. Soggetti di tutte le età si servono di siti e piattaforme on line per le proprie scommesse, una cui lista è possibile trovare sul sito Sitiscommesse24.com.

La tendenza degli italiani in tema scommesse

In generale l’industria del gioco negli ultimi anni è diventata sempre più articolata e competitiva e solo i soggetti che dimostrano una grande capacità di avvicinarsi alle esigenze dei giocatori riescono ad avere un loro spazio. La passione del gioco degli italiani è infatti sempre in crescita, ma i servizi richiesti sono maggiori ed è importante dare ai giocatori certezza delle informazioni e professionalità. Il volume d’affari relativo alle scommesse interessa anche le casse dello Stato.

Nel 2018 la percentuale di spesa totale relativa alle slot e alle video lotterie (VLT) è rimasta inalterata rispetto all’anno precedente con il 45% del totale delle entrate. Tuttavia all’interno di quest’unica voce si riscontra un calo delle slot e una risalita delle VLT. Il settore è stato oggetto di uno specifico intervento politico con il quale si è provveduto da aprile 2018 ad una riduzione delle macchine di circa un terzo. Lo scorso luglio inoltre si è introdotta una nuova tassazione dello 0,5% che ha completato la rivisitazione della disciplina normativa.

Anche il sistema del gioco on line rappresenta una voce importante delle entrate erariali, ma tra i vari giochi solo Casinò games ha registrato nel 2018 un aumento del 22,6%, mentre gli altri sono in calo. Il destino del gioco on line appare però incerto perché nel 2019 è previsto un aumento della tassazione pari al 25% e il divieto assoluto di pubblicizzarlo a partire dal prossimo mese di luglio, per cui il settore si prepara a cambiare nuovamente la propria forma. Lo sport, in generale, si conferma una grande attrattiva per gli italiani. In particolare il campionato mondiale di calcio che nel 2018 si è svolto in Russia, ha fatto registrare un aumento delle scommesse sportive pari al 22,3% con un incasso per lo Stato di circa 330 milioni di euro.

La vendita dei Gratta&Vinci invece si è mantenuta sostanzialmente stabile incassando 9,1 miliardi, mentre il Lotto è cresciuto con una raccolta la cui percentuale è aumentata del 6,9%. Registra un segno positivo anche il gioco dei 90 numeri, mentre non hanno subito variazioni il Superenalotto, il Winforlife ed anche il Bingo. È in calo invece il settore delle scommesse legato all’ippica con una spesa dei giocatori di 138 milioni, mentre è stabile il settore delle scommesse virtuali. Lo scambio di scommesse tra giocatori, il betting exchange, ha superato la cifra di 1,1 miliardi di euro, ma il dato è piuttosto basso e quindi non incide in maniera determinante sulle entrate erariali.

La ricerca di google e le scommesse

Gli italiani utilizzano sempre più il motore di ricerca Google per ogni tipo di attività. Come ogni anno sono stati resi pubblici i dati relativi alle ricerche più comuni effettuate durante l’anno appena concluso. Ci sono mete per le vacanze, eventi, personaggi famosi, problemi di salute e ricette e non mancano anche indicatori che rilevano un interesse costante per il gioco. All’interno della voce biglietti in cui naturalmente sono raggruppati quelli per eventi di ogni genere, musicali, sportivi, teatrali e altri, la voce più digitata e richiesta è stata quella delle Lotteria Italia. I cinque milioni del primo premio a fronte della spesa di un biglietto di cinque euro hanno ingolosito molti italiani.

Il termine Bingo invece, ha avuto una grande impennata solo nelle festività natalizie ed è stato maggiormente cercato in Campania, Sicilia e Sardegna. Nel mese di marzo dello scorso anno si è verificato un aumento nelle ricerche delle parole Million Day che sono state associate ad altri termini come Lotto, SuperEnalotto, Lottomatica e Win for Life!. Le regioni più interessate si sono rivelate la Calabria e la Sicilia.

Il termine slot machine è invece legato al Casinò di Sanremo con richieste maggiori dalla Calabria e dal Friuli Venezia Giulia. Il Lotto ha un andamento di ricerca stabile nell’arco dell’ultimo anno con una richiesta maggiore in Campania, Sicilia e Calabria. Tra le query associate si trovano million day lotto, million day, millionday, estrazione million day, e million day oggi. Gli italiani utilizzano Google per orientarsi anche nel settore delle scommesse, così questo termine è stato ricercato con una frequenza pressoché stabile nell’ultimo anno tranne che tra la fine di settembre e i primi giorni di ottobre in cui si è registrato un aumento di richiesta. Il motivo è legato al tennista Marco Cecchinato che ha regalato grandi soddisfazioni agli italiani e in molti quindi, hanno puntato sui suoi risultati sportivi. In quel periodo infatti il suo nome risulta il più associato al termine scommesse. Le query di riferimento sono invece le quote scommesse mondiali 2018, le scommesse elezioni Italia 2018 e le scommesse Sanremo 2018, confermando in tal modo la passione degli italiani per il gioco di ogni genere.

Continua a leggere
Pubblicità

Dalla Rete

Iphone 12 Mini : Arriva uno smartphone compatto da Apple

Pubblicato

in

iPhone 12 Mini: si chiamerà così il modello compatto da 5,4 pollici che la Apple starebbe per ufficializzare

Arriva come un fulmine a ciel sereno il tweet di un leaker che su Twitter ha scritto la lista dei “prossimi” tagli degli iPhone 12 aggiungendone uno inaspettato,appunto la versione “mini”

Se questo “soffiata” viene presa sul serio è ci sono almeno altre due prove: una nel presente, fresca di giornata, e una che invece affonda le sue radici nel passato. La prima ha a che fare con un produttore di cover, lo stesso che l’anno scorso anticipò correttamente i nomi di tutta la lineup Apple: iPhone 11, 11 Pro e soprattutto Pro Max. Può sembrare una cosa scontata, ma non dimentichiamoci che Apple veniva da iPhone X e XS, e che “Pro Max” era una formula inedita, e cui in tanti non hanno creduto fino al momento della presentazione.

Lo stesso produttore non solo ha già messo in commercio una cover per iPhone 12 Mini, ma si è anche premurato di informare che sì, è proprio quello il nome del modello da 5,4 pollici.

E poi, come detto, questo rumor viene da lontano, dal passato. Siamo a gennaio, quando i colleghi di Letsgodigital sganciano una bomba: non solo confermano l’arrivo del nuovo iPhone SE, ma parlano anche degli iPhone 12, avvertendo che sono in arrivo quattro modelli. E come si chiamano? iPhone 12 Mini, iPhone 12, iPhone 12 Pro e Pro Max. Il resto delle informazioni corrisponde già con quelle che i successivi rumor e leak riveleranno nei mesi a seguire: le dimensioni degli schermi sono quelle, ci sono i bordi piatti, i Pro con tripla fotocamera (e il solo Pro Max con anche il sensore LiDAR) mentre gli altri solo due, la presenza del notch e così via. L’unica differenza è quella lì: iPhone 12 che in realtà si chiama iPhone 12 Mini, e iPhone 12 Max che semplicemente è iPhone 12.

fonte hdblog

Continua a leggere



Dalla Rete

Attenzione,App truffa “spacciate” da account su Tik Tok e Instagram

Pubblicato

in

Un recente rapporto di Avast ha individuato ben sette applicazioni truffa per Android e iOSdiffuse tramite account TikTok e Instagram molto seguiti.

Queste app si presentano come innocenti software per scaricare sfondi, musica e altri contenuti gratuiti, ma non sono altro che un contenitore pieno zeppo di annunci pubblicitari, con possibili addebiti tra i 2 e i 10 dollari.

Infatti alcune app segnalate nascondono il trojan HiddenAds che è molto pericoloso in quanto oltre alla pubblicità che apre in continuazione sui nostri smartphone , nasconde l’icona dell’app malevola rendendone più difficile l’individuazione.

 

LE APP COINVOLTE

Avast ha fornito un elenco dettagliato delle app incriminate, e sembrano essere state sviluppate tutte dalla stessa persona / gruppo; la stessa Avast ha provveduto a segnalare ad Apple e Google il problema e ad ora  solo una delle app risulta ancora raggiungibile al momento. Le altre sono state già eliminate.

App Android:

  • ThemeZone – Shawky App Free – Shock My Friends
  • Tap Roulette ++Shock my Friend (ancora presente su Google Play)
  • Ultimate Music Downloader – Free Download Music

App iOS:

  • Shock My Friends – Satuna
  • 666 Time
  • ThemeZone – Live Wallpapers
  • shock my friend tap roulette v

ACCOUNT TIKTOK E INSTAGRAM COMPLICI

Nella vicenda sono coinvolti anche account Instagram e Tik Tok che invogliavano gli ignari utenti a scaricare le app in questione propagando il trojan : su Tik Tok sono stati trovati almeno 3 account da 300imla follower che hanno promosso il download ,mentre  su Instagram è stato trovato un account con più 5.000 follower.
Dei quattro account segnalati tre sono stati bannati da TikTok (7odestar, Deajavuuu.es3, Marina90lazina), mentre è ancora attivo nel momento in cui scriviamo l’account Instagram Shockmyfriends.app.

COME FARE PER DIFENDERSI

Non c’è un metodo che realmente può difenderci da tutte le insidie che sono sul web ; l’unica che vale è il buonsenso e non essere superficiali quando si scarica un app o qualcosa che non conosciamo bene ; infatti le app incriminate avevano delle recensioni molto basse per cui basta leggerle per rendersi conto se l’app è realmente “buona” o no.

Continua a leggere



Le Notizie più lette