Riqualificazione ex Italsider a Bagnoli, i comitati non sono soddisfatti dell’incontro con il ministro Lezzi

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Ex Italsider, i comitati di Bagnoli non sono soddisfatti dell’incontro con il ministro Barbara Lezzi per la riqualificazione dell’area industriale. “Avevamo già esposto le nostre perplessità al ministro – spiega Eddy Sorge, uno dei leader del movimento – a partire dalla necessità di superare il commissariamento che invece permane e abbiamo ribadito che non ci sono certezze sulle coperture economiche, in particolare su una programmazione nel tempo al di là di questi 50 milioni presi dal fondo di coesione”. I rappresentanti dei cittadini hanno anche chiesto delle analisi di rischio non ancora pubblicate: “Senza le quali – aggiunge Sorge – non possono partire i bandi per la bonifica ma ci hanno detto che verranno pubblicate dopo il consolidamento del Praru”. Tra i punti esaminati anche la proprietà dei suoli: “L’ad di Invitalia Arcuri e il ministro Lezzi hanno preso atto che proprietà dei suoli con gli strumenti finanziari previsti rischia di fare in modo che un soggetto attuatore pubblico possa far rientrare dalla finestra i privati e devo dare atto che sul tema dei Bagnoli Bond c’è stata un’apertura a modificare l’articolo 33 dello sblocca Italia”. Altro tema sensibile è quello di Nisida: “Sul Praru – spiega Sorge – in cui avevamo colto elementi positivi, manteniamo la perplessità sulla previsione dello spazio alberghiero con il porto turistico a Nisida perchè bisogna verificare la compatibilità con la balneabilià’, non vorremmo un attacco speculativo a Nisida, ne’ abbiamo avuto rassicurazioni sulle ricadute occupazionali per disoccupati del territorio”. Sorge accusa il governo di usare “gli slogan del fare presto, esattamente come il precedente governo”, dice e annuncia che i risultati del colloquio al ministero saranno analizzati dal comitato Bagnoli Libera in un’assemblea domani all’Acciaieria Flegrea, a Bagnoli.



telegram

LIVE NEWS

Sciopero dei metalmeccanici a Caserta: “Caserta torni Terra di Lavoro”

I sindacati dei metalmeccanici Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm di...

DALLA HOME

Sciopero dei metalmeccanici a Caserta: “Caserta torni Terra di Lavoro”

I sindacati dei metalmeccanici Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm di Caserta hanno proclamato lo sciopero generale per il prossimo 13 giugno. Lo sciopero mira a rilanciare l'economia del territorio e a difendere i posti di lavoro a rischio. Le motivazioni dello sciopero: Numerose vertenze industriali aperte, con quasi duemila lavoratori coinvolti. Tra...

Campi Flegrei, Legambiente denuncia ritardi e mancanze nella pianificazione e sicurezza

Napoli. Legambiente ha lanciato un duro monito sulla situazione dei Campi Flegrei, definendo la sicurezza dei cittadini "affidata a interventi emergenziali o meglio estemporanei da predisporre e attuare nel pieno della crisi bradisismica in atto." L'associazione ambientalista denuncia una serie di responsabilità istituzionali: in primo luogo l'assenza di un'adeguata pianificazione...

CRONACA NAPOLI

TI POTREBBE INTERESSARE