brescia

Brescia. Dopo sei ore di interrogatorio, davanti ai magistrati Chiara Alessandri ha ammesso di aver ucciso Stefania Crotti, ma non di aver bruciato il corpo. Cosi’ e’ scattato nella notte in Procura a Brescia il fermo dell’ex amante del marito della vittima. Ora la donna accusata di omicidio e di distruzione di cadavere, per il corpo della vittima trovato carbonizzato nelle campagne di Erbusco venerdi’ sera. Il difensore della donna fermata ha spiegato ad AGI che la sua assistita sostiene di non aver avuto alcuna intenzione di uccidere: “Non aveva premeditato nulla”. Gianfranco Ceci, legale della donna fermata, ha spiegato anche che “l’incontro tra le due c’e’ stato perche’ Chiara Alessandri voleva chiarire i rapporti personali, visto che avevano i figli che frequentavano la stessa scuola e perche’ il paese continuava a parlare della relazione con il marito della vittima”. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti le due donne si sono incontrate a casa di Chiara Alessandri. L’omicidio sarebbe avvenuto in un garage di proprieta’ dell’ex amante arrestata che avrebbe usato un martello per colpire la vittima, poi trovato sotto il corpo carbonizzato.


Di La Redazione


Ti potrebbe interessare..