Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Tecnologia

Analisi del risparmio effettivo sull’illuminazione di casa grazie alla tecnologia LED

Pubblicato

in



Un’indagine Eurostat rivela che ogni lampada a LED da 10 Watt può fare risparmiare circa 10,00€ all’anno sui costi totali della bolletta elettrica.

Come risparmiare sulla bolletta della luce

In Danimarca, Germania e Belgio, l’energia elettrica costa meno. L’Italia, invece, è uno dei Paesi europei in cui i consumi superano di parecchio i livelli standard, facendo lievitare le bollette della luce.

Tali valori dipendono, sostanzialmente, dalla scarsa produzione locale e quindi dalla forte dipendenza dai mercati esteri. Per risparmiare sulla bolletta, cambiare continuamente gestore serve a poco.

I reali consumi, infatti, sono gravati da tasse e accise varie, di competenza statale e quindi uguali per tutti (come ad esempio il canone della TV).

Sottoscrivere un contratto con tariffa bioraria può ridurre i consumi e risultare utile all’ambiente.

L’energia elettrica non è stabile come invece accade per il petrolio, per cui consumarla in una fascia oraria in cui la richiesta è minima evita inutili dispersioni ma ha anche i suoi svantaggi. La maggior parte degli elettrodomestici, infatti, deve essere attivati per forza di cose tra le 19 e le 8 del mattino. Ciò significa pagare di più durante le restanti ore della giornata e inimicarsi i vicini di casa, specie se si vive in condominio.

L’unica soluzione ammissibile è l’impiego di lampadine con tecnologia a LED (acronimo di Light Emitting Diode). Di facile accesso, sono molto convenienti non solo dal punto di vista dei consumi, ma anche sotto il profilo economico.

Lampadine a LED: i principali vantaggi di questa nuova tecnologia

Le lampadine a LED rappresentano un’evoluzione dell’illuminazione. Molto più efficienti di una classica lampadina a incandescenza, per funzionare sfruttano le caratteristiche di particolari diodi semiconduttori che vengono azionati da un circuito elettrico e non da un filamento oppure un gas.

Sono capaci di emettere dei fotoni, dai quali ne scaturisce un’illuminazione sempre più similare a quella ottenuta delle lampade tradizionali CFL. Fino a qualche anno fa, infatti, producevano solo luce fredda che regalava all’ambiente un’atmosfera asettica e surreale, non apprezzata da tutti.

Attualmente, le luci a LED sono impiegate per infinite e creative soluzioni: integrano l’illuminazione nelle abitazioni, nelle città, nelle attività commerciali e perfino nelle automobili. I LED sono destinati a sostituire definitivamente le classiche lampade a incandescenza e a fluorescenza (compatte oppure a neon).

Le luci a LED garantiscono svariati vantaggi:

  • Lunga durata. In media, la loro vita si aggira sulle 70.000 ore (per alcuni modelli anche 100.000), contro le 10.000 delle lampade tradizionali. I LED mantengono circa il 70% delle prestazioni anche dopo 50.000 ore di attività, basandosi sugli standard EN 50107;
  • Non si fulminano. Le lampade a LED, a differenza di quelle a incandescenza, si degradano progressivamente;
  • Emettono meno calore;
  • Hanno dimensioni ridotte e una struttura flessibile per garantire un’illuminazione creativa;
  • Funzionano a bassa tensione (12 oppure 24 Watt) ma garantiscono un alto rendimento. Un tubo composto da circa 300 piccoli LED consuma 17 Watt, contro i 40 Watt di una tradizionale lampada a neon;
  • Sono provviste di garanzia dalla durata di 1 anno, per eventuali sostituzioni dovute a malfunzionamenti;
  • Le luci a LED non producono fastidiosi sfarfallii, tipici invece delle lampadine a incandescenza durante i cali di tensione;
  • Risparmio economico ambientale. Non contengono mercurio o gas nocivi alla salute, ma polvere di silicio, e producono un’illuminazione non inquinante. I LED brillano e non saturano l’ambiente;
  • Zero emissioni di raggi ultravioletti e di radiazioni a infrarossi, dannose per gli occhi;
  • La resa dei colori di illuminazione è superiore alle lampadine tradizionali;
  • Smaltimento semplificato. Le CFL (Lampade Fluorescenti Compatte) contengono mercurio per cui vanno trattate come rifiuti tossici. I LED, al contrario, possono essere smaltiti come prodotti di normale differenziazione.

Tipologie di lampadine a LED

Le lampadine a LED sono disponibili in diversi formati e colori, in grado di soddisfare qualsiasi tipo di esigenza. Vanno scelte in base all’intensità, al design, alla qualità della luce e alla potenza. Perciò si hanno:

  • Lampadine da esterno e da interno;
  • Strip sia per interni sia per esterni;
  • Tubi;
  • Fari e faretti;
  • Proiettori per campi sportivi, parcheggi, viali e per ampi spazi;
  • Lampioni e lampioncini.

La tecnologia a LED consente di ottenere un importante risparmio energetico, fino al 90%. Inoltre, chi decide di sostituire il proprio impianto elettrico tradizionale con uno a LED potrà usufruire del vantaggioso Ecobonus statale che rimborsa fino al 65% della spesa totale sostenuta per l’adeguamento.

Come adeguare l’impianto elettrico di casa o degli esercizi commerciali

Le abitazioni, gli uffici o le attività commerciali provvisti di impianti già a norma, potranno immediatamente usufruire dei vantaggi delle lampadine a LED solo sostituendole alle lampadine ad incandescenza o a fluorescenza.

Le lampade a LED, infatti, sono standardizzate sui tradizionali attacchi grandi (E27) oppure piccoli (E14), e richiedono un’alimentazione di appena 230 V. Risultano compatibili con la maggior parte degli attacchi, in modo da poter essere sfilate e infilate con facilità.

I LED, a differenza delle classiche lampadine, non producono calore, per cui possono essere installati in prossimità di pareti, a contatto con plastica, legno oppure oggetti sensibili che temono le alte temperature.

La tecnologia a LED garantisce un’illuminazione più forte delle tradizionali lampadine a neon oppure a incandescenza. I LED possono essere contenuti in strisce adesive generalmente impiegate per delimitare un perimetro oppure per realizzare un percorso illuminato (scopri quelle di Luceled).

I tubi possono misurare da uno a cinque o più metri. Hanno un voltaggio da 12 a 24 Watt, e una potenza di 150 W. Sono disponibili in commercio in diverse tonalità tra cui: bianco caldo, naturale oppure freddo; RGB (Rosso, verde e blu); luce calda; solo verde, solo blu o solo rosso.

L’illuminazione a LED, inoltre, è modulabile; in altre parole, può essere regolata a piacimento, conferendo effetti visivi creativi anche mediante un telecomando a frequenza, senza fili.

Tuttavia, non sempre la tecnologia a LED può essere facilmente installata da sola e, a volte, richiede la competenza e il supporto di un tecnico elettricista. In compenso, però, non necessita di alcuna manutenzione per almeno 15-25 anni.

Continua a leggere
Pubblicità

Dalla Rete

TikTok ha ancora paura (e fa bene) del ban di Trump e attiva le notifiche per i creator

Pubblicato

in

Gli ultimi mesi per la piattaforma cinese Tik Tok sono stati molto pesanti anche in termini di immagine e affidabilità internazionale a causa del possibile “ban” del Presidente Trump in merito alla sicurezza USA

La paura fa 90 ed è proprio azzeccato il proverbio visto che Tik Tok,la piattaforma “social” del momento, ha molta paura delle ripercussioni del “ban” che vorrebbe imporre il Presidente USa Trump per salvaguardare la sicurezza degli Stati Uniti (e non solo).
In effetti il problema sollevato da Trump c’è e si è visto anche nel nostro Paese quando qualche settimana fa ci sono stati casi di censura di hashtag  legati al mondo LGBT e non solo.

Forse proprio per scongiurare un aumento della pressione internazionale la società cinese ha introdotto un’apprezzabile sistema di notifica che consente ai Creator di aver chiaro sin da subito il motivo per cui un loro contenuto è stato rimosso dalla piattaforma social cinese.

Questa la dichiarazione ufficiale :

Negli ultimi mesi, abbiamo sperimentato un nuovo sistema di notifica per offrire ai creativi maggiore chiarezza sulle rimozioni di contenuti. I nostri obiettivi sono migliorare la trasparenza e l’istruzione sulle nostre Linee guida della community per ridurre i malintesi sui contenuti sulla nostra piattaforma e i risultati sono stati promettenti.

In sintesi:

  • l’utente verrà informato su quale norma è stata violata citandola direttamente nella comunicazione
  • sarà sempre possibile presentare ricorso contro la rimozione di un video
  • in certi casi, TikTok fornirà indicazioni di supporto su dove trovare informazioni ed eventuale aiuto

Sono da apprezzare gli sforzi di TikTok di mostrare alla comunità internazionale quanto la società cinese tiene alla sicurezza e alla privacy degli utenti anche se rimane da migliorare e di molto in che modo il loro algoritmo mostra  video che non offrono nulla di interessante al pubblico ma che anzi spesso inneggiano a comportamenti non propriamente corretti.

 

Continua a leggere
Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette