Napoli, sottoscritto il protocollo scuole sicure tra Comune e Prefettura

SULLO STESSO ARGOMENTO

È stato sottoscritto in data odierna dal Prefetto di Napoli e dal Comune di Napoli, nelle persone dell’Assessore alla Sicurezza Urbana e Polizia Locale, dott.ssa Clemente e l’Assessore alla Scuola e Istruzione, dott.ssa Palmieri il Protocollo d’intesa “Scuole sicure”, con l’obiettivo di rafforzare la sicurezza e l’attività di prevenzione e di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi degli istituti scolastici.
A tal fine la Prefettura e il Comune si sono impegnati ad adottare strategie congiunte , favorendo l’impiego coordinato delle Forze di Polizia e della Polizia Locale nei pressi delle aree limitrofe ai plessi scolastici, quali parchi pubblici, snodi di trasporto pubblico, sia in chiave preventiva che di controllo del territorio.
Sono altresì previste iniziative volte alla realizzazione di percorsi di formazione nelle scuole sul tema delle sostanze stupefacenti e delle relative dipendenze, nonché l’implementazione dei sistemi di videosorveglianza.Il Comune di Napoli ha presentato la relativa domanda di amm1ss1one al finanziamento del progetto, che è stata accolta dal Ministero dell’Interno, per l’importo di 243.750,00 euro.






LEGGI ANCHE

Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

I piatti della Quaresima a Napoli alla trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”

Nel nome dei piatti della Quaresima a Napoli, la trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”, con il suo patron Pasquale Casillo, ha dedicato un momento...

Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE