Un lanciato tra oltre cento esperti per individuare le migliori . Si tratta di “50 Top ” che diventa internazionale con due spin off aggiunti alla celebre graduatoria italiana. Sono messi in campo dai curatori Barbara Guerra, Luciano Pignataro e Albert Sapere: la delle prime cinquanta del Nord America (Usa e Canada) e quella delle prime cinquanta in . Per la prima volta le pizzerie saranno giudicate e classificate da una redazione italiana, coadiuvati da un panel che conta rappresentanti qualificati presenti negli Stati interessati. Contemporaneamente all’inizio dei lavori, si procede anche alla ripresa delle attività in Italia con le riunioni organizzate entro l’anno dai coordinatori regionali e il lancio del primo dei due sondaggi, necessaria base di lavoro da utilizzare nei prossimi mesi fino ad arrivare al secondo sondaggio che precede la finalissima di Napoli. I criteri di giudizio non riguardano solo la pizza, ma comprendono anche il servizio, la sala, l’ambiente, la carta delle birre e dei vini, la qualità dei prodotti proposti, le modalità di pagamento, la possibilità di parcheggio e di accesso. In una parola, si vota il progetto di pizzeria, più ancora che il singolo personaggio o la qualità della pizza.



Pubblicità'

La camorra ha ‘inondato’ di hashish la Sardegna: in un anno oltre 10 tonnellate, 11 arresti e 28 indagati

Notizia Precedente

Ancelotti dalla Leotta: ‘Il lavoro di Sarri è stato fondamentale per il Napoli’

Prossima Notizia