fischi e grida contro bossetti in carcere e lui chiede di essere trasferito da bergamo



Fischi e grida ieri sera nel dopo la sentenza di condanna definitiva pronunciata dalla Cassazione che ha condannato Massimo per l’omicidio di Yara Gambirasio. A documentarlo le telecamere di Quarto Grado che ieri sera erano all’esterno del carcere. Tra le grida, si sentono anche quelle di un detenuto che dice “giustizia” e le immagini mostrano, ad un certo punto, un oggetto, posto all’esterno di una cella, a cui e’ stato dato fuoco. “Vorrei essere trasferito in un penitenziario dove poter lavorare. Per non impazzire chiedo di poter essere utile, di lavorare. Oggi non ho piu’ nulla, mi resta il pensiero dei miei figli e della mia famiglia”. Cosi’ Massimo Bossetti dopo la sentenza della Cassazione che ha confermato l’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio. Lo rende noto tramite i suoi profili social la trasmissione di Retequattro Quarto Grado. Dopo il verdetto giunto nella tarda serata di ieri Bossetti avrebbe trascorso la notte insonne e piangendo. Avrebbe inoltre incontrato il cappellano del carcere, e anche la moglie.

LEGGI ANCHE  Covid stabile in Italia con 28 decessi
ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

#ioleggoperché, la più grande campagna italiana di promozione della lettura

Notizia precedente

Al premio Bianca d’Aponte 2018, l’Orchestra di Piazza Vittorio, Ginevra De Marco, Joe Barbieri e tanti altri

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..