Avviso di garanzia consegnato al mittente. La notifica dell’iscrizione al registro degli indagati per l’affaire della arriva al tribunale dei ministri di Palermo e a per mano dei carabinieri. E il ministro dell’Interno condivide l’apertura della busta in diretta Facebook dal suo studio al Viminale. “Sono indagato”, annuncia Salvini liberando l’avviso di garanzia dal plico giallo e “credo che saranno almeno 15 anni come pena massima di galera, a cui bisogna aggiungere le aggravanti”. L’avvio delle indagini nei confronti del ministro si fonda sul reato, spiega Salvini, “di aggravato dal fatto che io sia un pubblico ufficiale, dal fatto che ci fossero dei minori a bordo e dal fatto che si sia protratto per diversi giorni”.Sulla notifica infatti il procuratore di Palermo cita l’articolo 81 e 605 comma 1 e 2 e numero 2 e 3 del codice penale per le “vicende relative alla privazione della libertà personale in giudizio di numerosi migranti – si legge nell’avviso di garanzia – trattenuti sul pattugliatore della Guardia Costiera italiana ‘U.Diciotti'”. Il vicepremier non si scompone e in modo sarcastico risponde: “Grazie ai magistrati, grazie al procuratore di Genova, grazie a tutti: mi date solo più forza”. Per Salvini infatti l’avviso di garanzia è “una medaglietta, ora vado avanti”. “Qui c’è la certificazione che un organo dello Stato – continua – indaga un altro organo dello Stato, con la piccolissima differenza che questo organo dello Stato, pieno di difetti e di limiti, per carità, è stato eletto, altri non sono eletti da nessuno”.Chi non apprezza le parole del titolare del Viminale è proprio il guadasigilli Anfonso Bonafede: “Il ministro può ritenere che un magistrato sbagli, ma rievocare toghe di destra e di sinistra è fuori dal tempo”. “Chi sta scrivendo il cambiamento – attacca – non può pensare di far ritornare l’Italia nella Seconda Repubblica”. Sulla stessa linea anche il vicepremier M5S, Luigi Di Maio: “Di certo non si può dare sostegno alle accuse ai magistrati”, perché “quando si divide la magistratura tra destra e sinistra si riporta il paese alla repubblica berlusconiana”.Insorge l’Anm, che accusa il vicepremier di “un chiaro stravolgimento dei principi costituzionali, che assegnano alla magistratura il compito e il dovere di svolgere indagini ed accertamenti nei confronti di tutti, anche nei confronti di chi è titolare di cariche elettive o istituzionali”. Anche da Magistratura democratica arriva la condanna, accusando Salvini “di intervenire per scopi politici e di agire per ribaltare le scelte compiute democraticamente dagli elettori ha una portata eversiva, e realizza una grave interferenza rispetto all’esercizio delle prerogative che alla giurisdizione spettano a tutela dei diritti e della legalità”. Durissimo il commento di Giovanni Legnini, vicepresidente del Csm, che considera le parole di Salvini “lesive del prestigio e dell’indipendenza dell’ordine giudiziario e si pongono in contrasto con il doveroso rispetto delle prerogative che si deve a ciascuno dei poteri dello Stato”. Inoltre, tuona il vice del capo dello Stato, Sergio Mattarella: “Nell’interesse della tenuta del sistema democratico e perché essa agisce in virtù dei poteri conferitigli dalla Costituzione e non ha certo bisogno di trarre la sua legittimazione dal voto dei cittadini”.

#EFEFEF; padding-top: 5px;">
LEGGI ANCHE  Processo per l'omicidio di Simone Frascogna, i familiari chiedono giustizia

Salvini indagato attacca giudici: ‘Io eletto loro no’. Legnini: ‘E’ lesivo’
di Redazione Cronache per Cronache della Campania

ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Amianto: sigilli all’ ex gessificio abbandonato di Ariano Irpino

Notizia precedente

Castellammare, camion incastrato sotto al balcone: traffico bloccato

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..