Corruzione e droga nel carcere di Lodi: 19 arresti tra detenuti, parenti e agenti penitenziari

SULLO STESSO ARGOMENTO

La Polizia di Stato di Lodi sta eseguendo un’operazione denominata “AKRON” per l’esecuzione di 19 provvedimenti di custodia cautelare per i reati di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, traffico di sostanze stupefacenti e lesioni personali gravissime. L’indagine dei poliziotti della squadra mobile nasce da una segnalazione, dell’Amministrazione Penitenziaria della locale Casa Circondariale, alla Procura della Repubblica di Lodi. In particolare, durante un controllo di routine nelle celle dei detenuti, veniva rinvenuta una modica quantita’ di sostanza stupefacente e dei biglietti cartacei che consentivano di rilevare una sistematica e diffusa attivita’ di corruzione messa in atto da 5 detenuti, ristretti per reati vari nella Casa Circondariale di Lodi. Per l’esecuzione degli arresti sono impegnati dipendenti della Polizia di Stato delle Questure di Lodi, Milano e Cremona; personale delle unita’ speciali Cinofile; unita’ operative dell’Amministrazione Penitenziaria Regionale della Lombardia. Ulteriori dettagli saranno resi noti nel corso della conferenza stampa che si terra’ alle ore 10.00 in questura.






LEGGI ANCHE

Ancora controlli al Parco Verde di Caivano: 244 identificati

Controlli a Caivano: operazione straordinaria delle forze dell'ordine.ù Nella giornata di ieri, il Commissariato di Afragola, in collaborazione con il Reparto Prevenzione Crimine Campania, ha...

Approvato il Documento strategico di indirizzo per il Piano Urbanistico di Napoli

Nella Commissione Urbanistica di Napoli è stato approvato all'unanimità il Documento strategico di indirizzo che orienterà le politiche urbanistiche del Comune in previsione della...

Arrestati 3 “trasfertisti” di Napoli per la rapina alla banca nel varesotto

Nel gennaio, una banda di origine napoletana ha rapinato la filiale del Credit Agricole a Cocquio Trevisago portando via 95.000 euro dopo aver minacciato...

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

Ucciso a Lettere il boss dei narcos dei Monti Lattari: Ciro Gargiulo ‘o biondo

Pranzo con il piombo, anzi con i proiettili di fucile per il boss dei narcos dei Monti Lattari, Ciro Gargiulo detto ciruzzo o' biondo....

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE