“Un rogo gravissimo di materiale di imballaggio carta e plastica e’ in corso nella zona industriale di Pascarola a Caivano. Ho allertato l’assessore regionale all’ambiente Fulvio Bonavitacola e l’Arpac, che si e’ gia’ recata sul posto. Il rischio e’ di un nuovo disastro ambientale e’ altissima e anche la possibilita’ che si tratti di un incendio di natura dolosa. Per questo chiediamo subito alla magistratura di intervenire per capire cosa puo’ aver generato un simili rogo che ha generato una colonna di fumo altissimo e nero che rende l’aria irrespirabile a distanza di chilometri. Si tratta di una nuova tragedia ambientale che segue a poca distanza quella di San Vitaliano e che pone domande inquietanti sui sistemi di sicurezza di questi impianti che lavorano i rifiuti” Sul posto 4 autobotti dei vigili del fuoco, i carabinieri e il personale dell’Arpac. Il personale dello stabilimento sta con bobcat e camion spostando materiale e auto per evitare che le fiamme prendano piu’ forza”. E’ quanto afferma il capogruppo regionale di Campania Libera, Psi,Davvero Verdi, Francesco Emilio Borrelli.
“In queste ore il grido di dolore della nostra terra si alza fortissimo e non si puo’ restare fermi a guardare. Il rischio che si ritorni agli anni bui in cui la mano della criminalita’ organizzata appiccava un rogo al giorno e’ dietro l’angolo. L’incendio alla fabbrica che ricicla carta e plastica alle porte di NAPOLI e’ un segnale molto inquietante. Va tutelata la salute delle persone, costrette a barricarsi in casa per sfuggire alla nube tossica e va fatta subito luce sulla vicenda. La magistratura non perda tempo perche’ e’ fondamentale agire con rapidita’ contro un fenomeno che sta affiorando nuovamente e sempre con maggiore frequenza. Il messaggio che arriva e’ davvero preoccupante, occorre una risposta immediata”. E’ quanto si legge in una nota del responsabile delle Politiche per il Sud di Forza Italia Severino Nappi.


Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie

Napoli, blitz alla Masseria Cardone: pregiudicato ai domiciliari aveva droga in casa

Notizia Precedente

Al Convento di San Domenico Maggiore, mandolini e solidarietà in una sera d’estate

Prossima Notizia

Ti potrebbe interessare..