L’esonero a sorpresa: il Bologna caccia Donadoni

SULLO STESSO ARGOMENTO

La storia tra Donadoni e il Bologna finisce nel peggiore dei modi. L’addio era nell’aria e ora e’ ufficiale. Il club rossoblu’ evita la parola “esonero” e l’espressione “sollevare dell’incarico”, ma il concetto non cambia: “Roberto Donadoni non sara’ l’allenatore della Prima squadra nella prossima stagione”. E pensare che solo un anno fa, Joey Saputo e la dirigenza gli avevano prolungato il contratto in scadenza nel 2018 fino al 30 giugno 2019. Il lavoro e’ gia’ cominciato per individuare un sostituto: in pole c’e’ il tecnico del Venezia Pippo Inzaghi, ma rimangono piste percorribili anche quelle che portano a Nicola o a De Zerbi. Perche’, come ha detto Saputo, e’ finito un ciclo. Il rinnovo del contratto di Donadoni arrivo’, un anno fa, dopo una stagione di alti e bassi e dopo che dallo spogliatoio rossoblu’ si erano levati rumor di rapporti non piu’ idilliaci tra Donadoni e parte dei giocatori, per dare piu’ potere al tecnico, con la convinzione che ci fossero i margini per ricucire i fili e ripartire di slancio. Di slancio erano stati i primi mesi della sua avventura: arrivato a Bologna il 28 ottobre 2015, Donadoni aveva raccolto l’eredita’ di Delio Rossi e di un Bologna in pessime acque dopo due vittorie e 8 sconfitte nelle prime 10 giornate. Con Donadoni si sbloccarono Destro e Giaccherini, Diawara decollo’ e con lui una squadra che fino a marzo viaggio’ a ritmo d’Europa, piegando il Napoli, passando a San Siro con il Milan e bloccando sul pari la Roma e la Juventus delle 15 vittorie consecutive. Pareva un idillio, poi la federazione lo sondo’ per offrirgli la panchina della nazionale e inizio’ un lungo tiramolla in vista dell’estate, risolto con la riconferma, da un faccia a faccia tra Saputo e Donadoni. In estate parti’ Diawara, arrivarono Verdi, Di Francesco e Dzemaili, con Destro ai box per le complicazioni della frattura al piede. Il Bologna vinceva con le piccole, ma perse la capacita’ di emozionare e regalare qualche colpo di vita con le big e pure il gioco frizzante della stagione precedente. Iniziarono a filtrare indiscrezioni dei primi malumori, fioccarono le frecciate a Destro e la stagione, iniziata con l’obiettivo di fare un punto in piu’ dei 42 precedenti, termino’ con uno in meno. In questa stagione, dopo il rinnovo, il Bologna e’ partito forte e ha chiuso a 24 punti il girone di andata. Nel ritorno pero’ i rossoblu’ sono crollati miseramente: infortuni, Destro e Di Francesco persi per strada. A marzo gia’ le voci di possibili sostituti in panchina: da Nicola a Ventura, da De Zerbi e Inzaghi. A fine stagione le sconfitte saranno 21: record negativo di tutti i tempi per il Bologna e i punti appena 39. Ed e’ stato, infine, un altro faccia a faccia con Saputo a scrivere la parola fine a quasi tre anni di storia.






LEGGI ANCHE

Il Commissario Straordinario visita l’Istituto Comprensivo “Cilea – Mameli” di Caivano

Il giorno precedente, il prefetto Filippo Dispenza, coordinatore della Commissione Straordinaria al Comune di Caivano, ha visitato l'Istituto Comprensivo "Cilea - Mameli" di Caivano,...

Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

‘Madame Camorra’ di Giovanni Terzi: presentazione del libro a Salerno

Il 24 febbraio, alle ore 17:30, presso il Salone Genovesi della Camera di Commercio di Salerno in via Roma, 29, si terrà la presentazione...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE