Cut, container di poesia e musica. Prima edizione del festival nel complesso di San Domenico Maggiore

SULLO STESSO ARGOMENTO

Dal 31 maggio al 3 giugno si svolgerà a Napoli, nelle splendide sale del complesso di San Domenico Maggiore, il festival CUT, appuntamento che unisce, esplora e analizza i punti di contatto tra musica e poesia. L’iniziativa è  organizzata dalla Fondazione Alfonso Gatto, che opera sul  territorio campano spingendo e promuovendo la cultura e le contaminazioni tra queste due arti,  patrimonio del nostro  territorio. La quattro giorni vedrà ospiti nazionali ed internazionali. Ideatore e fondatore della Fondazione e della rassegna Cut è Filippo Trotta che presenterà la kermesse, inserita anche  tra gli appuntamenti del  “ Maggio dei Monumenti”, alla presenza dell’assessore alla Cultura e  Turismo del Comune di Napoli, Nino Daniele, il direttore artistico di CUT, Giorgio Sica, lo scrittori  Angelo Petrella  e il musicista e regista Dario Sansone.
L’iniziativa è realizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.






LEGGI ANCHE

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE