Caivano, scoperte oltre 3mila dosi di droga al Parco Verde

SULLO STESSO ARGOMENTO

 

Ancora un rinvenimento di armi e droga al Parco Verde di Caivano, in provincia di Napoli. Durante una perquisizione all’interno di una palazzina, i Carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna e del reggimento Campania, con il supporto dei cani antidroga del nucleo cinofili di Sarno, hanno trovato e sequestrato 1,3 kg di kobret e 440 grammi di crack, oltre a una pistola semiautomatica di fabbricazione russa. Il tutto era stato nascosto nel vano-fondamenta della palazzina. Complessivamente la droga sequestrata era utile al confezionamento di oltre e mila dosi. I carabinieri ora stanno cercando di risalire ai ‘titolari’ di quell’ingente quantitativo di droga.


Torna alla Home


Napoli, inchiesta sul vessillo del figlio del boss durante la processione dei Fujenti

E' stata aperta un'inchiesta per risalire ai responsabili che durante la processione dei Fujenti della Madonna dell'Arco nei giorni scorsi al rione Traiano hanno alzato il vessillo di Fortunato Sorianiello, detto Foffy ucciso nel 2014 da un clan rivale in un agguato mentre si trovava in un salone di...

Oroscopo di oggi 15 aprile 2024

Oroscopo di oggi 15 aprile 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete (21 marzo - 19 aprile): Potresti sentirti particolarmente energico ed entusiasta oggi. Questa è una grande giornata per iniziare nuovi progetti o per fare progressi significativi nei tuoi obiettivi attuali. La tua creatività sarà al top,...

Il video della violenta aggressione ad Antonio Morra e il pugno che gli ha causato la morte

Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del Mandela Forum la sera di giovedì sono chiare: una discussione,  un pugno e una caduta dalle scale. Così ha perso la vita Antonio Morra, 47 anni, originario di Napoli ma residente a Pistoia: è stato aggredito dopo il concerto dei Subsonica...

Sciame sismico anche sul Vesuvio, scossa in serata di magnitudo 2.1

Una domenica bestiale: e non è certo quella cantata anni fa da Fabio Concato. E' quella che hanno vissuto tutti i cittadini dei comuni dei Campi Flegrei e di buona parte della città di Napoli. Poi nei pomeriggio ci si è messo anche il Vesuvio. Perché anche l'area del Vesuvio...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE