Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Calcio

Tifosi Juve: alzano la voce, chiedono attributi…

Pubblicato

in



“Tirate fuori i c…….”. E’ questo il coro che un nutrito gruppo di tifosi della Juventus del gruppo ‘Tradizione’ ha intonato all’ingresso del centro sportivo di Vinovo, dove anche oggi la squadra bianconera ha in programma un allenamento in vista della sfida decisiva di sabato contro l’Inter. Le immagini di Mediaset mostrano i tifosi bianconeri compatti invitare la squadra ad un confronto, per spingere i giocatori a dare il massimo nelle ultime quattro partite di campionato con il Napoli tornato a -1. Tifosi juventini quindi spaccati in questo momento cruciale della stagione, visto che ieri un altro storico gruppo di ultras bianconeri, i Drughi, avevano garantito il loro supporto alla squadra mostrando uno striscione con la scritta: “Noi con la voce, voi con il cuore: vinciamolo!”.

Continua a leggere
Pubblicità

Calcio

Juve, Pirlo: ‘Aspettiamo un attaccante, ma non c’e’ fretta’

Pubblicato

in

Juve, Pirlo: ‘Aspettiamo un attaccante, ma non c’e’ fretta’

Alla vigilia del suo esordio da allenatore con la Juventus, Andrea Pirlo analizza la situazione legata al mercato e a un innesto in attacco che ancora non e’ arrivato: “Stiamo aspettando tutti il numero 9, ma il mercato e’ lungo: ci sono problemi per qualsiasi squadra, siamo sereni per chi abbiamo. In futuro speriamo arrivi anche il centravanti, ma non c’e’ fretta”. Pirlo ha parlato anche di Higuain: “Aveva voglia di cimentarsi in un campionato diverso, abbiamo trovato una strada comune velocemente”.

 

Continua a leggere



Calcio

Calcio: anche la Lombardia riapre stadi fino a massimo 1000 spettatori

Pubblicato

in

Calcio: anche la Lombardia riapre stadi fino a massimo 1000 spettatori

Anche la Lombardia riapre gli stadi fino a un capienza massima di 1.000 spettatori; mentre per gli impianti al chiuso il numero massimo di pubblico ammesso e’ pari a 700. Lo prevede un’ordinanza della Regione firmata dal presidente Attilio Fontana. Nello specifico, in Lombardia “e’ consentita la presenza del pubblico durante gli eventi e le competizioni sportive, ivi compresi quelli riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (Coni), dal Comitato italiano paralimpico (Cip) e dalle rispettive federazioni, ovvero organizzati da organismi sportivi internazionali, di ogni disciplina, all’interno di impianti sia all’aperto che al chiuso, limitatamente a quei settori nei quali sia possibile assicurare posti a sedere da assegnare ai singoli spettatori per l’intera durata dell’evento e nel rispetto delle misure previste dall’allegato della presente Ordinanza”, che decorre da oggi.

L’ordinanza ha effetto fino al 15 ottobre prossimo. In particolare, si stabilisce che “puo’ essere consentita la partecipazione del pubblico esclusivamente nei settori degli impianti sportivi nei quali sia possibile assicurare la prenotazione e assegnazione preventiva e nominale del posto a sedere numerato ai singoli spettatori per l’evento e comunque in misura non superiore, in proporzione, al 25% della capienza autorizzata dalle Commissioni di vigilanza prima dell’emergenza causata dal Covid-19 e, in via assoluta, in misura non superiore a 1.000 spettatori negli impianti all’aperto e 700 spettatori negli impianti al chiuso”. Dovra’ essere rilevata la temperatura corporea sia per il personale che per il pubblico, impedendo l’accesso in caso di temperatura superiore a 37,5; il personale preposto dovra’ vigilare sull’uso della mascherina, obbligatorio all’aperto e al chiuso, e dovra’ garantire il distanziamento. Inoltre si prevede che “l’acquisto dei biglietti dovra’ essere preferenzialmente effettuato on-line. L’eventuale servizio di biglietteria in loco puo’ essere previsto purche’ le relative postazioni siano dotate di barriere fisiche, sia fatto osservare il distanziamento interpersonale in coda e siano favorite modalita’ di pagamento elettroniche”. “Il titolo di accesso, in ogni caso – sottolinea l’ordinanza – deve essere nominale in relazione al singolo fruitore del posto assegnato”. “Al fine di evitare assembramenti – specifica ancora il testo – non e’ consentita l’attivita’ dei bar, dei punti di ristoro e dei distributori automatici di alimenti e bevande. L’eventuale distribuzione di bevande e snack potra’avvenire mediante addetti che circolano nelle tribune, senza che il pubblico debba lasciare il posto assegnato”.

 

Continua a leggere



Pubblicità

Pubblicità

DALLA HOME

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette