Picchiarono un detenuto: a giudizio 11 agenti penitenziari di San Vittore

SULLO STESSO ARGOMENTO

La procura di Milano ha chiuso le indagini, in vista della richiesta di rinvio a giudizio, per 11, tra ispettori e agenti di polizia penitenziaria del carcere di San Vittore, per la vicenda con al centro presunte minacce e pestaggi di un tunisino di 50 anni, detenuto per tentato omicidio, che sarebbero avvenute tra il 2016 e il 2017 per ‘punire’ l’uomo che nel 2011, quando era in cella a Velletri, aveva denunciato altri agenti per furti in mensa e percosse e per impedirgli di essere teste al processo.Il pm Leonardo Lesti ha notificato l’avviso di chiusura delle indagini per intralcio alla giustizia, lesioni, falso e, tra l’altro, sequestro di persona in quanto in uno dei due episodi di pestaggio, il migrante sarebbe stato portato in un luogo separato della casa circondariale. Uno degli agenti, inoltre, lo scorso novembre e’ stato arrestato per aver intimidito un compagno di cella del tunisino chiamato a rendere testimonianza. Tunisino che, da quasi un anno a Opera, lo scorso febbraio, in video conferenza ha deposto nel procedimento a Velletri. A sporgere denuncia era stato proprio il tunisino, Ismail Ltaief, assistito dall’avvocato Alessandra Silvestri. Da qui le indagini e poi, lo scorso novembre un incidente probatorio davanti al gip Chiara Valori, per ‘cristallizzare’ le asserite vessazioni e botte denunciate dal tunisino mentre si trovava a San Vittore confermati tra l’altro da due testi oculari e da una consulenza medico legale che attribuisce i segni di violenza che l’uomo aveva sul corpo a oggetti (per esempio tirapugni) non compatibili con quelli che si trovano in genere in cella. Gli agenti di San Vittore indagati, sono stati trasferiti altrove e anche la vittima da giugno dell’anno scorso si trova ad Opera e risponde del tentato omicidio di un egiziano in un ‘boschetto della droga’. 

DALLA HOME

Castellammare, il pentito: “Quel giorno non dovevamo uccidere Tommasino ma gambizzare un imprenditore”

Castellammare. Il pomeriggio del 3 febbraio del 2009 Gino Tommasino non doveva morire. Il commando di killer del clan D'Alessandro era in giro per compiere un'altra missione: dovevano gambizzare il titolare dei campi di calcetto che si trovano a pochi metri dall'abitazione del consigliere comunale del Pd poi ucciso. Ma...

CRONACA NAPOLI

LEGGI ANCHE