Pedofilia, ex addetto alla Nunziatura americana arrestato in Vaticano

SULLO STESSO ARGOMENTO

Si puo’ definire un colpo di scena quello nella vicenda di monsignor Carlo Alberto Capella, l’ex funzionario della Nunziatura di Washington gia’ destinatario di un ordine d’arresto delle autorita’ canadesi per detenzione e diffusione di ingente materiale pedopornografico e da mesi sotto inchiesta in Vaticano. Stamane Capella, al termine dell’indagine del promotore di giustizia vaticano, e’ stato sottoposto ad arresto e rinchiuso nella cella della Gendarmeria. “Questa mattina, su proposta del promotore di giustizia, il giudice istruttore del Tribunale dello Stato della Citta’ del Vaticano ha emesso un mandato di cattura a carico di mons. Carlo Alberto Capella. Il provvedimento e’ stato eseguito dalla Gendarmeria Vaticana”, ha comunicato questo pomeriggio la Sala stampa vaticana. “L’imputato e’ detenuto in una cella della caserma del Corpo della Gendarmeria, a disposizione dell’autorita’ giudiziaria. L’arresto giunge al termine di un’indagine del promotore di giustizia – e’ stato spiegato -. Il giudice istruttore ha ordinato il provvedimento sulla base dell’articolo 10, commi 3 e 5, della legge VIII del 2013”. I due commi dell’art. 10, sul reato di pedopornografia, prevedono che “chiunque (…) con qualsiasi mezzo, anche per via telematica, distribuisce, divulga, trasmette, importa, esporta, offre, vende o detiene per tali fini materiale pedopornografico, ovvero distribuisce o divulga notizie o informazioni finalizzate all’adescamento o allo sfruttamento sessuale di minori, e’ punito con la reclusione da uno a cinque anni e con la multa da euro duemilacinquecento a euro cinquantamila”, e che “la pena e’ aumentata ove il materiale sia di ingente quantita'”. La vicenda di mons. Capella – che ha visto anche la collaborazione delle autorita’ giudiziarie vaticane e nordamericane – e’ emersa il 15 settembre scorso quando si e’ venuto a sapere che il promotore di giustizia vaticano aveva aperto un fascicolo nei confronti del diplomatico in servizio presso la Nunziatura di Washington dopo che il 21 giugno 2017 il Dipartimento degli Stati Uniti aveva notificato il possibile reato. Capella era destinatario di un ordine di arresto da parte delle autorita’ canadesi, nel quadro di un’inchiesta iniziata con una segnalazione del Centro nazionale di coordinamento contro lo sfruttamento dei bambini del Rcmp (la polizia canadese). La polizia di Windsor ha accusato Capella di possesso e distribuzione di materiale pedopornografico, scaricato durante un soggiorno che il prete ha fatto in Canada tra il 24 e il 27 dicembre 2016. La diocesi di London, in Ontario, ha reso noto di aver ricevuto una richiesta di aiuto per l’indagine; assistenza che e’ stata data, in relazione alle possibili violazioni della legge sulla pornografia infantile fatte da mons. Capella usando un “indirizzo di un computer in una chiesa locale”. Il sacerdote indagato, diplomatico d’alto profilo, ex officiale della Sezione per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato, era finora ospitato in Vaticano presso il Collegio dei Penitenzieri, gia’ in stato di restrizione in attesa del giudizio. A suo carico ora si profila il processo penale nel tribunale d’Oltretevere. (ANSA). GR 07-APR-18 17:48 NNNN







LEGGI ANCHE

Antonello Costa al Teatro Charlot di Pellezzano con ‘Costa Power, il potere del sorriso’

Antonello Costa porta il suo spettacolo comico "Costa Power, il potere del sorriso" al Teatro Charlot di Pellezzano per una serata dedicata alla risata e all'intrattenimento il 1 marzo alle 21. Lo show promette due ore di magia, comicità e cabaret in un mix irresistibile per allontanare lo stress e l'ansia, regalando al pubblico un momento di puro divertimento e leggerezza. L'artista siciliano presenterà le sue performance più amate insieme a novità assolute come...

Camorra, 50 anni di carcere per il racket del pane ai nuovi Lo Russo di Miano

I nuovi capi del clan Lo Russo di Miano, accusati di estorsione aggravata, per il cosiddetto racket del pane hanno incassato 50 anni di carcere. Lee condanne hanno riguardato Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto "Totore o' Cavallo",  Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto "o' mostr ("il mostro", ndr) e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto "Raffaele o' pazz" sono stati condannati a 7 an...

Giugliano, tocca un cavo scoperto: giovane rom di 21 anni muore folgorato

Un giovane di 21 anni residente nel campo rom di Scampia è morto folgorato, dopo essere stato trasportato senza vita al pronto soccorso dell'ospedale San Giuliano di Giugliano dai suoi amici. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale medico, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Gli agenti del commissariato di polizia di Giugliano sono intervenuti presso il nosocomio di via Basile e un'indagine sarà aperta per fare luce sulla vicenda. Al momento non...

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE