Omicidio dei fratelli Manzo a Terzigno, assolto in appello il boss Francesco Casillo ‘a vurzella

SULLO STESSO ARGOMENTO

Terzigno. Duplice omicidio dei fratelli Manzo: assolto il boss di Boscoreale Francesco Casillo, alias ‘a vurzella. I giudici della Corte d’Assise d’Appello di Napoli hanno assolto il boss dell’omonimo clan confederato con gli Aquino-Annunziata di Boscoreale dalle accuse. Casillo era stato condannato all’ergastolo in primo grado per l’omicidio avvenuto a Terzigno in corso Alessandro Volta il 10 febbraio 2007, in un bar. I fratelli Marco e Maurizio Manzo, ritenuti legati al clan Ascione-Papale di Ercolano, furono trucidati nel bar Maemi e per quel delitto furono condannati i capi del clan Gionta e Birra Iacomino.
La sentenza è stata emessa dalla quarta sezione della Corte di Assise di Appello di Napoli che ha accolto le richieste degli avvocati Saverio Senese e Libero Mancuso. In primo grado Casillo era stato condannato all’ergastolo. A chiamarlo in causa come presunto organizzatore dell’agguato erano stati diversi collaboratori di giustizia che non sono stati evidentemente – come sottolineano i legali – ritenuti attendibili dai giudici di appello. Casillo, arrestato quattro anni fa, nonostante avesse deciso anch’egli di collaborare con gli inquirenti, si era sempre detto estraneo al delitto di Terzigno, sostenendo di avere uno stretto legame con le vittime. La Dda napoletana non aveva avallato il programma di protezione nei suoi confronti non ritenendolo pienamente attendibile. Casillo, nonostante l’assoluzione, resta detenuto per altri reati.






LEGGI ANCHE

AstraDoc, a Napoli due film sull’America tra Trump e Biden con gli occhi dei registi italiani

Rassegna AstraDoc: Due Film Italiani Esplorano la Società Americana tra le Elezioni di Trump e Biden La XIV edizione di “AstraDoc - Viaggio nel...

I piatti della Quaresima a Napoli alla trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”

Nel nome dei piatti della Quaresima a Napoli, la trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”, con il suo patron Pasquale Casillo, ha dedicato un momento...

Caffè a 50 centesimi se ti porti la tazzina da casa

L'iniziativa insolita proviene da un bar di Venafro in provincia di Isernia che ha lanciato la possibilità di prendersi un caffè a soli 50...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE