Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Napoli

Napoli, il monito del presidente del Tribunale per i Minori: ‘Per molti giovani alzarsi la mattina alle 7 è da sfigati’

Pubblicato

in



A ci sono moltissimi ragazzi per i quali “alzarsi alle sette di mattina per andare lavorare vuol dire essere sfigati. C’e’ un’emergenza sociale con diseguaglianze sociali e poverta’ economiche, certo, ma soprattutto educative, che sono forse ancora piu’ pericolose”. Lo ha detto , presidente del Tribunale dei Minori di Napoli, intervenendo al convegno “Napoli: il rischio o la gioia di essere minore” promosso dell’Arciconfraternita dei Pellegrini. Esposito ha spiegato che si tratta di “ragazzini astuti, intelligenti, scaltri che hanno dimestichezza con internet e i social network, dove il facile camuffamento ancora di piu’ li espone ai rischi della devianza. Vengono da famiglie liquide, che non sanno cosa significa neanche assicurare la puntualita’ dei figli a scuola. La politica parla di scuole aperte tutto il giorno ma e’ ancora tutto da combattere, perche’ nei quartieri periferici i ragazzi hanno i libri di testo in ritardo e mancano le attrezzature a scuola. Eppure conosco molto docenti che pur avendo avuto trasferimento in luoghi piu’ semplici sono voluti restare nei quartieri difficili a insegnare”. Al convegno e’ intervenuto anche il primicerio dell’Arciconfraternita dei pellegrini, Vincenzo Galgano: “Napoli – ha detto – attraversa periodo complicato, da un lato richiama tanti turisti, dall’altro le fasce piu’ povere diventano sempre meno socialmente affidabili e la conseguenza si scarica sui ragazzi. Dobbiamo tentare di fare capire loro l’utilita’ di un vita non fatta di violenza. La classe dirigente citta’ dovrebbe impegnarsi con maggiore determinazione nei limiti di quello che i fondi finanziari permettono:so che le condizioni sono difficili ma questo non vuol dire che dobbiamo abbandonarli anche se vengono da ambienti familiari che sono completamente dediti ad attivita’ criminali”.

 

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Napoli

Manifestazione al Vomero contro le chiusure, tensioni con le forze dell’ordine

Pubblicato

in

manifestazione vomero chiusure

Manifestazione al Vomero contro le chiusure, tensioni con le forze dell’ordine.

 

Alcune centinaia di persone si sono radunate a , nell’area di Piazza Vanvitelli e nel corso pedonale di Via Scarlatti, per protestare contro i provvedimenti del governo e della Regione Campania per il covid19.  Momenti di tensione con le forze dell’ordine che ad un certo punto hanno cercato di fermare il corteo che si stava snodando da piazza Vanvitelli, per  via Luca Giordano verso piazza degli Artisti e poi piazza Medaglie d’oro. Le forze dell’ordine hanno strappato uno striscione che teneva testa al corteo. “Vergogna, vergogna” hanno gridato all’indirizzo delle forze dell’ordine i manifestanti on le mani alzate. “Non ci possono fermare perchè siamo in orario consentito e noi stiamo passeggiando”. Poi è tornata la calma e i manifestanti hanno continuato a sfilare per le strade del Vomero. Cori anche all’indirizzo del governatore De Luca.

“Due metri di dissenso, prima sostegno e poi lockdown” e’ il cartello che circa trenta di loro avevano in mano nel corso di un sit in in via Scarlatti, protestando per la chiusura dei locali alle 18 e per il crollo del lavoro di attivita’ come le palestre. I manifestanti scandiscono “liberta’, liberta’”. L’area – nel quartiere Vomero – e’ presidiata da molte camionette delle forze dell’ordine. Ai commercianti, ai ristoratori e agli studenti si sono uniti anche gestori di palestre e personal trainer.. Domani, un’altra manifestazione di commercianti, sempre alle 22 e’ programmata in corso Secondigliano, nel quartiere Nord del capoluogo.

“Siamo alla disperazione, alla canna del gas – urla un commerciante – bloccate gli F24 e fate arrivare la cassa integrazione di maggio”. I manifestanti indossano le mascherine, ma qualcuno ha sul viso delle maschere di cartone che raffigurano il volto del governatore Vincenzo De Luca. In piazza ci sono anche alcuni docenti, che chiedono il ritorno alla didattica in presenza. “Quando la cura e’ peggiore del male, Portici si ribella contro il nuovo Dpcm”, recitava lo striscione portato da alcuni studenti della città vesuviana e che è stato strappato.

Continua a leggere

Le Notizie più lette