Messina Denaro
______________________________

 Matteo Messina Denaro, Giovanni Motisi e Marco Di Lauro. Sono due mafiosi e un camorrista i primi tre superlatitanti inseriti nella lista dei “most wanted” stilata dal Viminale. Lista che – dopo l’arresto del settembre scorso a Montevideo del ‘ndranghetista Rocco Morabito – comprende anche un quarto e ultimo nome, quello di Attilio Cubeddu: niente mafie per lui ma un ruolo da protagonista nell’Anonima sequestri sarda. Il piu’ conosciuto, e pericoloso, di tutti resta Messina Denaro, “u siccu”, “il magro”, letteralmente sparito nel nulla nel ’93, l’anno delle bombe a Milano, Firenze e Roma, dopo una vacanza a Forte dei Marmi con i fratelli Graviano: e’ ricercato in campo internazionale – precisa la scheda della Direzione centrale della Polizia criminale – per “associazione di tipo mafioso, omicidio, strage, devastazione, detenzione e porto di materie esplodenti, furto ed altro”. Figlio di Francesco, capo della cosca di Castelvetrano e del relativo mandamento, compie giusto oggi 56 anni ma non deve essere il piu’ felice dei compleanni visto che pochi giorni fa l’ennesimo blitz di polizia e carabinieri gli ha bruciato ancora piu’ terra intorno, decapitando i vertici delle cosche del Trapanese (compresi due cognati) da lui stesso investiti della responsabilita’ di gestire gli “affari di famiglia”. Protagonista di un numero imprecisato di esecuzioni e tra gli organizzatori del sequestro del piccolo Giuseppe Di Matteo – rapito per costringere il padre Santino a ritrattare le rivelazioni sulla strage di Capaci e poi strangolato e sciolto nell’acido dopo 779 giorni di prigionia – Matteo Messina Denaro secondo molti inquirenti non sarebbe il capo di Cosa nostra ma sicuramente continua a rivestire un ruolo di assoluto rilievo: la rivista “Forbes” lo ha incluso tra i dieci latitanti piu’ pericolosi del mondo. Difficile distinguere il vero e il falso in quello che di lui raccontano informatori e pentiti: che, beffando chi lo bracca da anni, vivrebbe in Sicilia, spostandosi di continuo; che si sarebbe sottoposto in Bulgaria (o in Piemonte) a una plastica ai polpastrelli e al viso; che avrebbe seri problemi agli occhi e ai reni, tanto da aver bisogno della dialisi; che godrebbe della protezione dalla ‘ndrangheta. Di volta in volta, c’e’ chi lo ha collocato sulle tribune del “Barbera” per un Palermo-Sampdoria, chi su una spiaggia greca, in vacanza con la compagna Maria, chi in una casa di Baden, in Germania. “Non so se a breve o a brevissimo, ma al suo arresto si arrivera’ certamente”, ha assicurato pochi giorni fa il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho. Nel frattempo, la caccia continua.

A lui come a Giovanni Motisi, “u pacchiuni”, “il grasso”, 59 anni, palermitano doc, ricercato dal ’98 per omicidio, dal 2001 per associazione di tipo mafioso e dal 2002 per strage: due anni fa e’ finito anche nella lista dei criminali piu’ ricercati dall’Europol. Ha l’ergastolo da scontare, il killer di fiducia di Toto’ Riina, secondo un collaboratore di giustizia presente anche quando si parlo’ per la prima volta di ammazzare il generale Dalla Chiesa. Nel ’99, durante la perquisizione della sua villa di Palermo, spunta una fitta corrispondenza tra lui e la moglie Caterina, bigliettini recapitati da ‘postini’ fidati assieme a vestiti e regali. Ed e’ dello stesso anno l’ultima ‘apparizione’ certa in Sicilia di “u pacchiuni”, alla festa di compleanno della figlia: nelle foto ritrovate diversi anni dopo risaltano le pareti coperte con lenzuola bianche per non far riconoscere il posto. Da allora, piu’ niente o quasi tanto da alimentare il sospetto – ricorrente nelle grandi latitanze – che Motisi possa essere morto. Un’altra ipotesi e’ che abbia cercato, e trovato, riparo in Francia: l’esattore del racket Angelo Casano ha raccontato che nel 2002 Motisi ‘perse’ la reggenza di Pagliarelli a vantaggio di Nino Rotolo e che per un paio d’anni si nascose nell’Agrigentino, ‘terra’ di Giuseppe Falsone. Boss arrestato nel 2010 dalla Gendarmeria francese a Marsiglia.

 Di Marco Di Lauro, 38 anni a giugno, ricercato dal 2005 per associazione di tipo mafioso, gira una sola foto ufficiale, quella con la faccia da bravo ragazzo, “invecchiata” due anni fa dalla polizia con il software di age progression: del resto, ha appena 24 anni quando sfugge alla “notte delle manette”, maxi blitz delle forze dell’ordine. Numero due della lista del ministero dell’Interno, il latitante di camorra piu’ ricercato al mondo e’ stato indicato da un pentito come mandante di quattro omicidi. Quarto figlio del boss Paolo, detto “Ciruzzo o’ milionario” (per questo nel libro mastro degli stupefacenti viene indicato con la sigla F4, dove F sta appunto per figlio), scala le gerarchie del suo clan giovanissimo e sfrutta il suo talento di calciatore per attirare e affiliare giovanissimi ‘soldati’: di lui dal luglio 2013 si occupano anche gli 007 a stelle e strisce per presunti affari poco chiari a New York. Le voci sono tante e tanto discordanti dallo sconfinare nella leggenda: una villa nel Vesuviano per summit e incontri; l’amore per una donna legata a un clan di Torre Annunziata; il debole per i motori e le scarpe griffate; la capacita’ di nascondersi, all’occorrenza, sotto abiti e parrucche da donna; l’intervento di plastica facciale. Dopo un periodo a Dubai, si sarebbe spostato in Slovenia, o in Grecia, o piu’ probabilmente in Francia: ma senza mai rinunciare a puntate sporadiche a casa, a Secondigliano. Pronto a riprendersi la sua fetta di “Gomorra”.

LEGGI ANCHE  In occasione del compleanno di Luigi Vanvitelli: la Reggia di Caserta pubblica una lettera speciale 

 Anche di Attilio Cubeddu, l'”ultimo bandito” di Ogliastra non ci sono piu’ tracce da tempo, e anche di lui si dice che sia passato a miglior vita, forse ucciso. Nato nel 1947 ad Arzana, in provincia di Nuoro, brucia le tappe della carriera criminale e partecipa in Toscana ed Emilia Romagna ai rapimenti di Cristina Peruzzi, Ludovica Rangoni Machiavelli e Patrizia Bauer: arrestato nell’aprile dell”84 a Riccione e condannato a 30 anni, si guadagna diversi permessi premio con la sua condotta da detenuto modello. Peccato che il 7 febbraio del ’97 al carcere di Badu ‘e Carros attendano invano che rientri da uno di questi permessi: e da latitante cede presto al vecchio ‘vizietto’, restando coinvolto nel sequestro di Giuseppe Soffiantini (e’ lui il custode dell’ostaggio). E’ ricercato in campo internazionale, ma chi tuttora gli da’ la caccia e’ convinto che viva protetto dalla sua terra e da una rete di fiancheggiatori: la moglie 62enne e la seconda figlia abitano ancora nella casa di Arzana confiscata poche settimane fa dal Ros, un edificio di quattro piani che nel febbraio di un anno fa era stato passato al setaccio dallo stesso Ros, insieme con altri due appartamenti del paese. Cercavano Cubeddu, i carabinieri. E si cercano i vivi, non i morti. 


Di La Redazione



Pomigliano, trovata tartaruba azzannatrice in Villa Comunale

Notizia Precedente

Napoli: corteggia Rui Patricio ma deve difendere Jorginho

Prossima Notizia

Ti potrebbe interessare..